giovedì 28 luglio 2016

Modi di dire: “gingillone”




E’ così appellata una persona che solitamente si perde, cioè si distrae facilmente, od è lenta nei movimenti, nel compiere un azione o una mansione, e quindi non riesce, per indolenza, a portarla a conclusione. Oppure ne fa molte, senza concluderne alcuna. L’origine della parola potrebbe essere dal latino “cincinnulus” diminutivo di “cincinnus” (dal greco “kikinnos”), cioè “ricciolo”, infatti, chi si sofferma a lungo nella contemplazione su dal farsi, spesso pensa, senza agire, toccandosi una ciocca dei propri capelli. Oppure, deriverebbe, sempre dal latino, da “cingillum”, cioè cinturino, da cui deriva “cingiglio”: la striscia pendente dalla cintura, un ninnolo; quindi il “giocare con i ninnoli”, il "gingillarsi", il perdere tempo. Roberto Di Ferdinando

Nessun commento:

Posta un commento