sabato 30 marzo 2019

Modi di dire: “…sennò mi porti sulla bocca”

Lo dice chi è in debito con qualcuno, spesso in debito di soldi. Il debitore cerca di saldare il debito quanto prima accompagnando la restituzione, dei soldi o del favore, con questa frase. Non solo, tale restituzione avviene in fretta per paura che colui che vanta il credito possa ripetutamente descriverlo ad altri malamente creandogli una cattiva fama (“il portare per bocca”) .
Roberto Di Ferdinando

Itinerari fiorentini - Verrocchio, il maestro di Leonardo

Aprile sarà, per gli “ITINERARI FIORENTINI”, un mese che si può definire monotematico (ma, si spera, non monotono). Sarà dedicato, con due appuntamenti, al Verrocchio e alla mostra, allestita in Palazzo Strozzi fino a domenica 14 luglio, con il titolo di “Verrocchio, il maestro di Leonardo”.
Stefania Acuti, che condurrà e guiderà la visita, ci trasmette queste prime impressioni e valutazioni: “Palazzo Strozzi ha allestito la prima mostra monografica mai dedicata a Andrea del Verrocchio, artista innovatore ed eclettico, perfetto interprete dell’età di Lorenzo il Magnifico e maestro di una delle botteghe più importanti del Rinascimento.
Andrea ha avuto la fortuna e la sfortuna di avere come allievo di Leonardo da Vinci; e spesso è ricordato, ingiustamente, solo per essere stato il maestro del genio.
Il nostro percorso cercherà invece di coglierne l’enorme talento e la complessa personalità e chiarire il rapporto
coi celebri allievi e collaboratori attraverso oltre 120 sculture, dipinti e disegni provenienti dai più importanti musei. Qualche nome? Desiderio da Settignano, Botticelli, Ghirlandaio, Perugino, Lorenzo di Credi e ovviamente
il giovane Leonardo, di cui è presente una affascinante
e controversa nuova attribuzione“.
Libreria dei Lettori - Via della Pergola, 12 - 50121 Firenze - T. 055/2264333 - libreriadeilettori@gmail.com

venerdì 29 marzo 2019

6 aprile - Visita guidata alle Gualchiere di Remole

Sabato 6 Aprile alle ore 16 l’Associazione Tumori Toscana A.T.T. organizza una visita guidata alle Gualchiere di Remole (Via di Rosano 117 Bagno a Ripoli, Firenze).

La struttura è un raro esempio di opificio medievale per la lavorazione della lana e si presenta come un castello munito di torri merlate e cinto da mura.

Nel corso dei secoli le Gualchiere hanno più volte cambiato destinazione d’uso e l’aspetto attuale è il risultato di un’articolata stratificazione di edifici giunti fino ai giorni nostri.

A guidare i visitatori in questo straordinario viaggio nella storia saranno lo scultore Piero Gensini, da anni “custode” delle Gualchiere dove ha creato il suo studio e la dottoressa Angela Del Soldato, ultima erede dell’unica famiglia rimasta a presidio del borgo fino a qualche decennio fa.

Offerta minima 15 Euro

I fondi raccolti verranno devoluti all’Associazione Tumori Toscana a sostegno del servizio di Cure Domiciliari Oncologiche gratuite che dal 1999 ai malati di tumore della Toscana.



Info e Prenotazione: A.T.T. Firenze, Paola Neri, 3356586211

Proverbio Toscano del Giorno

"Il ladro crede che tutti sien compagni a lui"

giovedì 28 marzo 2019

Presentazione del catalogo dell'esposizione "Mistica della materia"

con scritti di Marco Benvenuti, Sergio Risaliti e Luigi Trucillo. Saranno presenti l'artista Massimo Latte, Marco Benvenuti (presidente del Sistema Museale) e Fulvia Zeuli (curatrice del catalogo). La mostra è stata prorogata fino al 31 marzo. 28 marzo 2019, ore 17, La Specola, Corridoio Mostre Temporanee, 2° piano, via Romana, 17 - Firenze. Organizzazione: Sistema Museale di Ateneo.

I LABORATORI DELL'ISTITUTO D'ARTE DI PORTA ROMANA

150 anni di formazione artistica a Firenze 1869-2019

Proverbio Toscano del Giorno

"E' male avere il male, ma essere burlato è peggio"

martedì 26 marzo 2019

Conversazione "Olinto Marinelli e Giotto Dainelli. Storia di un'amicizia geografica nella Firenze del primo Novecento"

con Laura Cassi. 26 marzo 2019, ore 16, Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo SAGAS, aula parva, via San Gallo,10 - Firenze. Organizzazione: Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo SAGAS, Società di Studi Geografici.
https://www.sagas.unifi.it/upload/sub/conv_sem/EVENTI%202019/Marzo%20Cassi%2026.pdf

ITINERARI FIORENTINI - “Storie di quartiere: San Lorenzo. Percorso d’arte, vicende e gossip storico nel cuore della città”

Come detto gli “ITINERARI FIORENTINI” vedranno concludersi il mese
di marzo con un piacevole e istruttivo camminamento.
L’appuntamento è per il pomeriggio di sabato 30 con un seducente
“Storie di quartiere: San Lorenzo. Percorso d’arte, vicende e gossip
storico nel cuore della città”, percorso ideato, studiato e condotto
dalla nostra prode Stefania Acuti.
Per mancanza di tempo e di spazio non potemmo, sulla A-LETTER
della scorsa settimana, dire le parole giuste sull’argomento.
Diciamole ora quelle parole; anzi che ce le dica Stefania stessa:
“La prima passeggiata della stagione partendo da Piazza San Marco
si snoderà lungo un percorso costellato da conventi sgarrupati,
austeri palazzi, meravigliosi tabernacoli e strani simboli.
Sono i luoghi di storie vere e leggendarie, di personaggi nobili e disgraziati, di artisti, letterati e scienziati. Qualche nome?
Qui camminavano un tempo la signora Lisa Gherardini ovvero “La Gioconda”, Raffaello da Urbino, Bartolomeo Ammannati,
Benvenuto Cellini, Carlo Lorenzini detto il Collodi, e molti altri. Concluderemo la passeggiata con una breve visita alla
gloriosa e poco conosciuta chiesa di Santa Maria Maggiore, che custodisce una delle più antiche opere d’arte della città.
La quota è di 12,00 euro a persona, con raduno alle 15.00 a San Marco, alla statua di Manfredo Fanti. Sono aperte le iscrizioni.
Libreria dei Lettori - Via della Pergola, 12 - 50121 Firenze - T. 055/2264333 - libreriadeilettori@gmail.com

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi vuole il malanno, abbia il mal'anno e la mala pasqua"

lunedì 25 marzo 2019

venerdì 22 marzo 2019

Convegno “Giardini e Paesaggi”

In occasione della 25° edizione di “Visite ai Giardini delle ville fiesolane” il Comune di Fiesole e Aiapp - Associazione Italiana Di Architettura Del Paesaggio promuovono il convegno “Giardini e Paesaggi” nella giornata di giovedì 4 aprile 2019 alle ore 16.00 presso la Fondazione Giovanni Michelucci a Fiesole.

“Visite ai Giardini delle Ville fiesolane” è un ciclo di visite guidate a importanti residenze del territorio fiesolano solitamente chiuse al pubblico.

Il convegno “Giardini e Paesaggi” è quindi l’occasione per presentare il programma 2019 e sottolineare l'importanza di questa iniziativa che dal 1995 ha portato migliaia di persone a frequentare le bellezze architettoniche e paesaggistiche fiesolane.



PROGRAMMA

Convegno: Giardini e Paesaggi
giovedì 4 aprile 2019 - ore 16.00
Fondazione Giovanni Michelucci
via Beato Angelico, 15 - Fiesole

Saluti Istituzionali
Anna Ravoni, Sindaco di Fiesole

Introduzione e coordinamento
Tomaso Marzotto Caotorta, Vice Presidente Fondazione Giovanni Michelucci

Andar per giardini, una lunga storia…
Ines Romitti, Architetto paesaggista Aiapp/Ifla

Un mondo di giardini
Mariella Zoppi, Università di Firenze

Testimonianze di esperti soci Aiapp preposti alle visite
Angela Boninsegni, Cecilia Franchi, Lucia Giangrandi, Paola Mainardi, Florinda Petrella

Conclusioni
Matteo Vallauri, Tesoriere Aiapp Toscana, Umbria, Marche

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi semina spine, non vada scalzo"

giovedì 21 marzo 2019

Convegno "Learn to love forests! Formazione e ricerca a Firenze dal 1869"

Nell'ambito della Giornata Internazionale delle Foreste 2019. 21 marzo 2019, ore 9.30, Aula magna del Rettorato, piazza San Marco, 4 - Firenze. Organizzazione: Dipartimento di Scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali DAGRI, Associazioni Universitarie degli Studenti Forestali AUSF di Firenze, FAO, 21 March International Day of Forests. Per informazioni: https://goo.gl/forms/Q5v76EI9iy1y78QB3
https://www.agraria.unifi.it/upload/sub/doc/2019/programma_21_marzo_2019_UNIFI.pdf

Spettacolo "Dulcinea e il cuoco"

Una produzione della Compagnia Teatrale Universitaria "Binario di Scambio". Da "Madama Dulcinea e il cuoco del marchese del Bosco" di Giovan Battista Trotti. Direzione artistica Teresa Megale. Drammaturgia e regia Stefania Stefanin. In scena gli studenti-attori della compagnia "Binario di Scambio". Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. 21 marzo 2019, ore 15, 
Biblioteca Umanistica, Chiostro di Levante, piazza Brunelleschi, 4 - Firenze. Organizzazione: Compagnia teatrale universitaria "Binario di Scambio", Università di Firenze, Q.Theatre - Theatrical Recreations of Don Quixote in Europe, Europa Creativa. Per informazioni: spettacolo@unifi.it - binario.scambio@gmail.com
Leggi di più: https://www.pin.unifi.it/eventi/335-21-marzo-d-c

Convegno "Risultati e sfide dell'Unione europea: tra luoghi comuni e informazioni corrette"

Nell'ambito del progetto La Primavera dell’Europa. Elezioni Europee 2019. 21 marzo 2019, ore 10, Campus di Novoli, Edificio D6, via delle Pandette, 9 - Firenze.
Leggi di più
https://www.sba.unifi.it/upload/scienzesociali/CDE/primavera_europa.pdf

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi desidera il male ad altri, il suo sta vicino"

mercoledì 20 marzo 2019

Fondazione Franco Zeffirelli | Firenze GESÙ DI NAZARETH: L'ARCHIVIO MAI VISTO

Giovedì 11.04.2019 ore 17.30 | sabato 13.04.2019 ore 11
Palazzo San Firenze | Piazza San Firenze 5 | Firenze

Nuovo incontro con Archivio mai visto, l’appuntamento con il patrimonio di appunti e ricordi che il Maestro Zeffirelli ha donato a Firenze e che si apre per scoprire i segreti del suo straordinario lavoro.

Nell’imminenza della Pasqua, la vicepresidenza della Fondazione propone un doppio, speciale focus su Gesù di Nazareth, lo sceneggiato televisivo andato in onda nel 1977. Giovedì 11, alle 17.30, e sabato 13 aprile alle 11 (ritrovo rispettivamente alle ore 17.15 e alle ore 10.45 davanti la biglietteria) è in programma Gesù di Nazareth: l’Archivio mai visto, nel Museo e nella Biblioteca della Fondazione Zeffirelli (piazza San Firenze 5, a Firenze); il costo della partecipazione è di 10 euro. 

Si tratta di un percorso alla scoperta della lunga progettazione dei documenti, ma anche degli aneddoti, che portarono alla realizzazione dello sceneggiato Gesù di Nazareth trasmesso dalla Rai in cinque puntate, dal 27 marzo al 24 aprile 1977.

Lo sceneggiato ottenne un grandissimo successo di pubblico in Italia e nel mondo: negli Stati Uniti fu definita la migliore miniserie televisiva di tutti i tempi.

Due anni di lavorazione, un cast eccezionale, una troupe attori, tecnici, artigiani, che per mesi furono impegnati senza sosta tra il Marocco e la Tunisia per dar vita a un’opera destinata a rappresentare un caposaldo della filmografia religiosa: “Con precisione – ricorda Franco Zeffirelli - si trattava di produrre una serie televisiva che avrebbe narrato la vita di Cristo seguendo quasi alla lettera i testi concordati del Nuovo Testamento, senza ricorrere alla leggenda e senza far leva su un fasullo misticismo cinematografico. La verosimiglianza che il cinema può creare doveva servire a mostrare l’umanità di Cristo. Tutto qui. Semplice, ma anche spaventosamente complesso”.

Il percorso è a cura di Caterina d’Amico, studiosa di cinema e teatro e consulente della Fondazione Franco Zeffirelli, testimone diretta delle fasi di progettazione e lavorazione dello sceneggiato.

I partecipanti saranno condotti nelle sale del museo dedicate alle produzione e avranno l’esclusiva opportunità di vedere il materiale custodito della biblioteca e nell’archivio personali del maestro: i libri consultati, i documenti con le annotazioni, i bozzetti preliminari, le foto di set e di scena relativi ai due anni di produzione dello sceneggiato.

Il percorso inizierà con la visita alla sala dedicate all’opera – dove sono a confronto bozzetti e foto di scena - e, dopo una breve introduzione su Zeffirelli e il suo Gesù di Nazareth, si concluderà con l’esclusiva visita all’archivio personale del Maestro in cui saranno mostrati i libri consultati, i documenti con le annotazioni, i bozzetti preliminari, le foto di set e di scena relativi ai due anni di produzione dello sceneggiato.

La partecipazione alla visita costa 10 euro e la prenotazione all’evento è obbligatoria; si può scrivere all’indirizzo ticket@fondazionefrancozeffirelli.com oppure si può telefonare (dalle 10 alle 17, dal martedì alla domenica) al numero 055.2658435.

Incontro "Alle origini dell'abitare: appunti di un viaggio nel tempo"

con Ugo Tonietti. In occasione dell'inaugurazione della mostra "Viaggio fotografico". Nell’ambito del ciclo di incontri Le Archistorie della biblioteca. 20 marzo 2019, ore 17, Palazzo San Clemente, Sala archivi e fondo storico, via Micheli, 2 - Firenze. Organizzazione: Biblioteca di Scienze tecnologiche - Architettura. Per informazioni: bibarc@unifi.it - tel. 055  2756400 - 6401
https://www.sba.unifi.it/Article1068.html

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi mal fa, mal pensa"

martedì 19 marzo 2019

SENATO DELLA REPUBBLICA: PREMIO ALLA CARRIERA A FRANCO ZEFFIRELLI

Sabato 06.04.2019 ore 11 | Aula del Senato | Palazzo Madama | Roma


La Presidenza del Senato della Repubblica ha reso noto che il prossimo sabato 6 aprile 2019 sarà assegnato il “Premio alla carriera” al Maestro Franco Zeffirelli nell’ambito del ciclo di eventi “Senato & Cultura”, che si svolge ogni primo sabato del mese all’interno dell’aula del Senato di Palazzo Madama, a Roma.

All’autore, regista e sceneggiatore fiorentino saranno consegnate una targa e una pergamena con la motivazione del premio.

Alla premiazione – prevista alle 11 e alla quale farà seguito un concerto - presenzierà anche il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Da segnalare che nell’arco della sua lunga carriera Franco Zeffirelli è stato anche membro dell’assemblea del Senato durante la XII e XIII legislatura, tra il 1994 e il 2001.

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi ha dentro amaro non può sputare dolce"

lunedì 18 marzo 2019

Modi di dire: “Tu c’hai ì cattivo addosso”

Si usa, in maniera dispregiativa, per sottolineare una condotta ripetutamente disonesta se non propria cattiva di una persona verso altre persone od esseri viventi. Una persona spregevole.
(Testo di Roberto Di Ferdinando

Incontro con il pubblico - Teatro della Pergola



Giovedì 21 marzo | ore 18 | Teatro della Pergola



Alessio Boni, Serra Yilmaz e la Compagnia incontrano il pubblico. Coordina Riccardo Ventrella.



Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Teatro della Pergola - Via della Pergola 12/32 - 50121 Firenze
www.teatrodellapergola.com - www.teatrodellatoscana.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi fa la casa in piazza, o l'è tropp'alta o troppo bassa"

venerdì 15 marzo 2019

LEF a FIRENZE BIO

La LEF sarà dal 15 al 17 marzo a FIRENZE BIO - Piano Terra Padiglione Spadolini con i volumi dedicati ai semi, all'agricoltura naturale di Fukuoka, alle tecniche per realizzare il BalconOrto, il Manuale di Campo, l'ABC dell'agricoltura organica e rigenerativa e molti altri...
Sabato 16 marzo - ore 11.00 c/o lo spazio Terra Nuova Festival - appuntamento con Matteo Mancini (Deafal) per parlare di agricoltura organica e rigenerativa.
Mercoledì 20 marzo il primo appuntamento per il ciclo di incontri, organizzati dalla LEF, ABITARE FIRENZE .
Concludiamo in bellezza la settimana al Teatro Niccolini , venerdì 22 marzo ore 18.00, dove Terence Ward e Antonio Pagliai parleranno del volume PER CAPIRE OGGI IL MEDIO ORIENTE e soprattutto di quello che i MEDIA NON DICONO DELL'ISIS.
Gli eventi sono a INGRESSO GRATUITO.

Tradurre poesia con Alberto Caramella

Il 21 marzo alla Certosa di Firenze, per la Giornata mondiale della poesia, presentazione con reading e intermezzi musicali del libro multilingue ‘Alberto Caramella - Era il paese dei morbidi sogni’ (Polistampa 2019). Interventi critici di Marco Marchi e Carmelo Mezzasalma. Coordina Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero.



Una raffinata selezione di trasposizioni dei versi di Alberto Caramella in cinque lingue (inglese, francese, spagnolo, russo e svedese) che include i testi di importanti scrittori come Lars Gustafsson o Ciaran Carson e di uno dei massimi ambasciatori della poesia italiana in Russia quale il traduttore Evgenij Solonovich.

La Fondazione il Fiore di Firenze celebra il 21 marzo, Giornata mondiale della poesia istituita nel 1999 dall’Unesco per «promuovere la lettura, la scrittura, la pubblicazione e l’insegnamento della poesia in tutto il mondo», con un evento di presentazione del nuovo libro multilingue ‘Alberto Caramella – Era il paese dei morbidi sogni’ (Polistampa 2019). L’appuntamento, che si terrà giovedì 21 marzo alle 16,30 presso il Refettorio moderno della Certosa di San Lorenzo al Galluzzo di Firenze (via della Certosa n. 1) e che è organizzato dalla Fondazione il Fiore in collaborazione con Comunità di San Leolino, Associazione culturale Italia-Russia e Centro Studi Jorge Eielson, è intitolato “Tradurre poesia con Alberto Caramella” e prevede gli interventi critici di Marco Marchi e Carmelo Mezzasalma, oltre alle letture di Celeste Cappelli (francese), Davide Caramella (inglese), Andrea Giuntini (italiano), Giulia Spagnesi (spagnolo), Gabriella Tozzetti (russo), Catherine Wallerman (svedese) e agli intermezzi musicali di Andrea Benucci al liuto e mandolino e Luigi Gagliardi alla chitarra. Coordina l’incontro, che è a ingresso libero e si concluderà con un buffet, Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore e curatrice del libro.

L’antologia edita da Polistampa ‘Era il paese dei morbidi sogni’ - che deve il titolo al primo verso della poesia “Bianco” da ‘I viaggi del Nautilus’ (Le Lettere 1997) – raccoglie una scelta di poesie tradotte di Alberto Caramella (1928-2007) che sono state in gran parte pubblicate separatamente, ma che, spiega Maria Giuseppina Caramella, «vengono qui accostate in maniera nuova e originale, in forma libera, per cui talvolta la poesia è tradotta in una sola lingua, oppure in più lingue, oppure nella medesima lingua ma da traduttori diversi, quasi a incoraggiare la riflessione sulle ragioni stesse del tradurre poesia». I traduttori sono i seguenti: Roberto Bertoni e Cormac Ó Cuilleanáin, Ciaran Carson, Patricia Garde-Grandi, Anthony Oldcorn e Joseph Tusiani in inglese; il direttore dell’Istituto Francese di Firenze Jérôme Bloch e Valérie Thévenon in francese; Evgenij Solonovich in russo; Margara Russotto in spagnolo; Lars Gustafsson in svedese.

La nuova antologia multilingue è «un’attestazione desunta all’interno del suo stesso corpus di autore di versi – scrive Marco Marchi in un passo del suo contributo critico al volume - che ci riconduce, illuminandola nei suoi significati più alti, a una parallela e del tutto sintonica aspirazione a provare la sua voce nei suoni di altre lingue, a far risuonare il messaggio dei suoi versi, ancorché segreto e suggellato dalla sua stessa autonomistica perfezione autoreferenziale, nell’ambito di altre tradizioni linguistiche, di differenti combinazioni di suoni e modi di esprimersi, presso distanti e distantissimi uditori e fruitori: da poeta che assolutamente credeva nelle possibilità della “poesia nel mondo” e più ancora, rivendicandola come una sua fiducia fondante e suo contrassegno quotidianamente operativo, in quelle della “poesia del mondo”».

Alla traduzione come esercizio filologico sempre in bilico fra fedeltà e invenzione di Giancarlo Pontiggia si richiama invece nel suo testo introduttivo Carmelo Mezzasalma, che afferma: «… di fedeltà e invenzione, a proposito della traduzione, abbiamo parlato a lungo, negli anni della nostra forte e indimenticabile amicizia, con Alberto Caramella che desiderava, come ogni altro vero poeta, che la sua poesia fosse tradotta in altre lingue, quasi per saggiarne la sua tenuta e il suo rigore espressivo. Un sogno che ora, con questo quaderno di traduzioni che abbiamo davanti, è diventato una felice realtà. Non conta tanto e solo la più o meno fedeltà al testo originale di Alberto, quanto piuttosto il suo messaggio che, pur navigando tra anfratti e stilemi di altre lingue, reiventa per così dire quella sua particolare energia linguistica, quella sua pensosità morale, quella sua forza d’invenzione che, di fatto, costituiscono il carattere essenziale della sua parola in poesia».



Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel.: 055-225074

Giornata di studio in ricordo del 1° Cap. cont. CRI Guido Spadolini

Questo il titolo dell’incontro che si svolgerà sabato 16 marzo 2019
a partire dalle ore 9.00 nella Sala Conferenze del Circolo Unificato
di Presidio della Croce Rossa, in Via della Scala, 68, Firenze


«Il convegno è dedicato a Guido Spadolini, una figura importante della storia di Firenze - spiega Cosimo Ceccuti, Presidente della Fondazione Spadolini Nuova Antologia. Medaglia d’oro alla memoria per il valor civile, Guido Spadolini fu incisore, pittore, artista di notevole successo e padre del futuro presidente del Senato Giovanni Spadolini. Morì l’11 marzo 1944 sotto i bombardamenti alleati, mentre come Capitano della Croce Rossa volontario, prestava soccorso ad una donna che era rimasta ferita da un precedente passaggio degli aerei alleati, nella zona del Romito. La Croce Rossa, a 75 anni dalla ricorrenza, intende ricordarlo con questa mezza giornata di studi in cui parleranno sia militari che civili».
«Padre di tre figli, Pierluigi, Paolo e Giovanni, ha educato e formato una generazione pur non avendo mai conosciuto alcuno dei suoi nipoti - commenta Maria Donata Spadolini. Attraverso la sua arte ha trasmesso valori che hanno rappresentato una testimonianza forte della sua identità per tutti noi».

L’incontro si aprirà con l’intervento del Magg. Gen. CRI Gabriele Lupini; seguiranno le testimonianze del Col me CRI Ettore Calzolari, del Prof. Cosimo Ceccuti, della Dott.ssa Maria Donata Spadolini e del 1° Cap. com. C.R.I. Riccardo Toti. Dopo la pausa caffè i lavori riprenderanno con gli interventi del Ten.com. CRI Michele Romeo Jasinski e del Col.Med. CRI Romano Tripodi.
A seguire l’incontro con gli esperti e le conclusioni.

Per informazioni: 055.2336071
https://florenceisyou.us3.list-manage.com/track/click?u=f20771af085cb5738d12e2e05&id=1646cc988d&e=f8ea968629
https://florenceisyou.us3.list-manage.com/track/click?u=f20771af085cb5738d12e2e05&id=b608368472&e=f8ea968629

Proverbio Toscano del Giorno

"Se d'altrui parlar vorrà, guardi sè stesso e tacerà"

giovedì 14 marzo 2019

mercoledì 13 marzo 2019

martedì 12 marzo 2019

A Novoli il recital di Letizia Fuochi e Francesco Cusumano e l'omaggio a Elena, Lucrezia e Valentina, nell'anniversario del tragico incidente di Tarragona.

“...ed avevamo gli occhi troppo belli”. Prende il titolo da un verso di Fabrizio De André il recital di Letizia Fuochi e Francesco Cusumano dedicato a storie di donne intrepide, capaci di farsi carico di sofferenze e passioni, donne autentiche, impossibili da dimenticare.

L’appuntamento è venerdì 15 marzo al campus delle Scienze sociali di Novoli (ore 21 – via delle Pandette, 9 – edificio D6, aula 0.18. Ingresso libero fino a esaurimento posti).

Lo spettacolo è un percorso tra musica e letteratura, tra storie vere e canzoni dedicate, un viaggio nell’intenso e coraggioso universo femminile.

Il recital sarà preceduto, alle 20.30, da un momento di raccoglimento in memoria di Elena, Lucrezia e Valentina, le tre studentesse dell’Università di Firenze scomparse tre anni fa nel terribile incidente stradale nei pressi di Tarragona, in Spagna, dove si trovavano per il programma Erasmus.

Incontro "Prenditi cura di te. Proteggi te stesso e gli altri"

Presenta Lorenzo Baglioni. Nell'ambito delle iniziative collegate alla nuova carta unica universitaria regionale "Studente della Toscana". 13 marzo 2019, ore 14.30, Campus delle Scienze Sociali, Edificio D6, Aula Magna, via delle Pandette, 9 - Firenze. Organizzazione: Regione Toscana, Azienda Diritto allo Studio Universitario DSU, GiovaniSì, Azienda USL Toscana Centro, Università di Firenze, Fondazione Sistema Toscana.
https://www.unifi.it/art-3968-proteggi-te-stesso-e-gli-altri-prenditi-cura-di-te.html

COME GLI SCAMBI DEL TRENO Vita della poetessa Madeleine Delbrêl

di Elisabetta Salvatori
domenica 17 marzo 2019

presso la sede in Via A. Corelli 33/C, Firenze
INGRESSO LIBERO

In questo spettacolo Elisabetta Salvatori, con il suo linguaggio semplice, intimo, reale racconta la vita di Madeleine Delbrêl, assistente sociale francese morta nel 1964 e dichiarata Venerabile nel 2018.
Mistica senza visioni appassionata di parole e profondamente calata nel reale, è stata una delle più grandi poetesse del ‘900. La storia di una donna del secolo scorso, che sembra appartenere al secolo prossimo.

Ore 20: Rinfresco vegetariano per i tesserati (soli 5€ la sera stessa)
Ore 21: SPETTACOLO a INGRESSO LIBERO
https://tuttovita.us3.list-manage.com/track/click?u=8ff14149179d3d04a9fd2fba1&id=b0c38c9150&e=7fee168f53

Proverbio Toscano del Giorno

"L'invidia nacque e morirà con gli uomini"

lunedì 11 marzo 2019

FIRENZE ARCHEOFILM 2019

Al via il Festival Internazionale del Cinema organizzato da Archeologia Viva e “tourismA”. 
Dal 13 al 17 marzo p.v. al Cinema La Compagnia di Firenze (via Cavour 50r).
In programma 80 film selezionati a livello mondiale tradotti e doppiati in italiano e in original sound. 

Proiezioni no stop da mercoledì a domenica


In collaborazione con National Geographic
Patrocinio Università di Firenze
Ingresso sempre libero e gratuito
Info: www.firenzearcheofilm.it

FONDAZIONE FRANCO ZEFFIRELLI CONCERTO DELL'ENSEMBLE YO-YO


VENERDì 15.03.2019 h. 20.30
Sala dellaMusica | Complesso monumentale di San Firenze | Firenze

Prosegue l’azione della Fondazione Zeffirelli volta a promuovere i giovani artisti nel mondo delle arti dello spettacolo - e nell’ambito della nuova serie dei “Concerti di San Firenze” organizzati da Francesco Ermini Polacci, direttore artistico della attività culturali – venerdì 15 marzo, alle ore 20.30 nella Sala della Musica della Fondazione Zeffirelli a Firenze, avrà luogo il concerto dell’Ensemble Yo-Yo, realizzato in collaborazione con l’Orchestra della Toscana.
Il concerto si apre con Decimino I, brano per dieci strumenti (flauto, oboe, tromba, corno, fagotto, 2 violini, viola, violoncello e contrabbasso) del compositore Saverio Mercadante, napoletano di adozione, noto al pubblico in campo operistico come precursore di Giuseppe Verdi.
Segue il Quintetto per archi in sol maggiore che Antonin Dvořák scrisse nel 1875 e che vede l'ingresso in scena del contrabbasso nelle formazioni ad arco, fino a quel momento presentate nel classico quartetto (due violini, viola e violoncello).
A distanza di 90 anni si pone l'ultimo brano in programma, a mano dallo statunitense Terry Riley, In C (1964) opera di musica semi-aleatoria composta per qualsiasi numero di musicisti che ha reso popolare il minimalismo musicale, scritta dall'autore come risposta alle tecniche accademiche astratte e seriali usate dai compositori della metà del ventesimo secolo.
L’accesso al concerto  è con biglietto a 10 euro, acquistabile tramite il circuito Ticketone o direttamente alla biglietteria della Fondazione. È possibile prenotare l’ingresso al concerto sia telefonicamente chiamando il numero 055.2658435 oppure inviando una mail a ticket@fondazionefrancozeffirelli.com.

Un progetto didattico
La Fondazione ORT, infatti, tra i suoi gruppi da camera propone una formazione di giovani strumentisti che frequentano la seconda edizione del Corso di alta formazione Yo - Yo (Youth Orchestra - Youth ORT), i quali si alterneranno in tre diverse formazioni, regalando l'ascolto di una trasformazione di suoni dall'Ottocento ad oggi.
Il corso, sostenuto dal progetto “Sillumina Copia privata per i giovani, per la cultura” della Siae con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, vede la partecipazione di 18 musicisti, tra i 18 e i 28 anni, selezionati lo scorso giugno tramite audizione. I ragazzi intraprendono un percorso di crescita professionale e personale affrontando tutti gli aspetti che caratterizzano il mondo della musica. A fianco del management della Fondazione e insieme al direttore principale e alle prime parti dell'Orchestra accrescono le loro capacità strumentali. Al contempo sono partecipi in organico a cinque produzioni in calendario.
La Fondazione sostiene e alimenta la formazione e l'occupazione giovanile di qualità. Tutti e 10 gli allievi della prima edizione, dopo aver terminato con successo il corso, hanno ottenuto nei mesi successivi vari contratti di lavoro con l'ORT e con altre istituzioni musicali del panorama italiano.
 ___°°°___
 Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze 5 – Firenze

www.fondazionefrancozeffirelli.cominfo@fondazionefrancozeffirelli.com

Info, biglietteria e prenotazioni visite guidate tel. 055-2658435

Il Libro degli Ospiti del Ristorante Paoli

Il famoso Libro degli Ospiti, recentemente ritrovato, che racconta 200 anni di storia del Ristorante e che, per ora, è visibile e consultabile presso il locale.
"Dello storico ristorante in via dei Tavolini ho avvertito la necessità di produrre una pubblicazione che mettesse in ordine i pochi brandelli di documenti e notizie disponibili, offrendo nuove scoperte e valorizzando il patrimonio unico e prezioso del "Libro degli Ospiti". un volume di oltre 1.000 pagine custodito per più di cento anni nel ristorante e pieno di firme, disegni, date e commenti straordinari. Una bella sfida, all'insegna del motto "cibo e cultura" a me particolarmente caro, che ho voluto anche come parte integrante del titolo di questo libro."
Aurelio Fontani
Proprietario del Ristorante Paoli
https://www.ristorantepaoli.com/shop


“ZAP IMPRO’ , lo spettacolo di improvvisazione in programma all’ OFF Musical

“ZAP IMPRO’ , lo spettacolo di improvvisazione in programma all’ OFF Musical di via San Giusto 2 a Firenze, sabato 16 marzo , con inizio alle 21.30, è uno spettacolo coinvolgente in cui il pubblico ha un ruolo decisivo nello stabilire quali storie vuole vedere rappresentate sul palcoscenico.
Un’indicazione del pubblico in sala dà il via a quattro storie improvvisate: saranno gli applausi del pubblico alla fine della prima tornata a determinare quali saranno le tre a continuare, e così via via fino a che sarà una sola storia a svelare il suo finale.
In scena Lea Landucci, Chiara Fregonas, Alessio Bartoli, Cristian Meini ed Andrea Mitri ( tutti attori di Firenze Longform) che accoglieranno come ospite speciale Fabio Magnani, attore ed improvvisatore che alterna l’improvvisazione al teatro di testo ( lavora molto spesso con Cesar Brie ) ed alla clownerie del teatro di strada.
L’attore , diplomato alla Galante Garrone di Bologna, terrà anche uno stage, nei giorni 16 e 17 marzo, intitolato “OH-OH , alla ricerca del proprio clown. Per questo stage , riservato ad attori ed improvvisatori con una esperienza almeno biennale, ci sono ancora un paio di posti liberi.
Per info sullo stage e per prenotare il posto per lo spettacolo inviare una mail a firenzelongform@gmail.com o contattare il 392.66.40.751 ( meglio via whattsapp ).
Per assistere agli spettacoli dell’ OFF bisogna essere in possesso della tessera sociale ( costo 2 euro). Il biglietto costa 9 euro

Antiche insegne resistono: Comune di Pontassieve

Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"All'assente e al morto non si dee far torto"

venerdì 8 marzo 2019

Incontri con la città, domenica 10 marzo alle ore 10.30 -Benzina, diesel, elettrico… di cosa si nutriranno le nostre auto in futuro

Domenica 10 marzo nuovo appuntamento degli "Incontri con la città. Leggere il presente per comprendere il futuro", il ciclo di lezioni aperte a tutti organizzate dall'Ateneo fiorentino.

Benzina, diesel, elettrico… di cosa si nutriranno le nostre auto in futuro è il tema dell'incontro.

Il relatore sarà Giovanni Ferrara, docente di Macchine a fluido. Introduce e coordina Alberto Tonini.

L'incontro, che si terrà presso l'Aula Magna del Rettorato (piazza S. Marco 4), è a ingresso libero.


giovedì 7 marzo 2019

“ITINERARI FIORENTINI” - Museo dell’Opera del Duomo

Secondo appuntamento del mese di marzo degli “ITINERARI FIORENTINI” domenica 17 marzo con la visita guidata, da Stefania Acuti, al Museo dell’Opera del Duomo
La quota di adesione è stabilita in 30,00 euro a persona e comprende il non live costo d’ingresso; il raduno è fissato alle 09.30 in “Libreria dei Lettori”, da dove poi il gruppo si muoverà.
Sono aperte le iscrizioni, che dovremo chiudere per ragioni di prenotazione giovedì 14 marzo.
Libreria dei Lettori
Via della Pergola 12
50121 Firenze
tel 055 2264333
libreriadeilettori@gmail.com
libreriadeilettori.wordpress.com

8 Marzo, L’A.T.T. vicina alle donne con il progetto “ATTivati in Rosa”

Nella Giornata internazionale della donna, l’Associazione Tumori Toscana A.T.T. rinnova il suo impegno a favore delle donne con il progetto ATTivati in Rosa: un programma specifico per le donne affette da carcinoma della mammella in trattamento attivo con chemioterapia, radioterapia o ormonoterapia.

“Con “ATTivati in Rosa” – dice il Dottor Giuseppe Spinelli, Presidente A.T.T. – intendiamo rivolgerci a tutte quelle donne in terapia attiva che hanno bisogno del nostro aiuto per la gestione a domicilio degli effetti collaterali delle terapie cui si sottopongono in ospedale”.

“Da qui la necessità – sottolinea Spinelli- individuata da A.T.T. di un programma di assistenza domiciliare per la somministrazione di terapie di supporto. Si tratta del cosiddetto modello “simultaneous care”, considerato un obiettivo prioritario della moderna oncologia, la cui attivazione non può prescindere da un intervento domiciliare dedicato”.

“Questo progetto – prosegue il Presidente Spinelli- conferma la nostra volontà di intercettare i reali bisogni dei malari e di fornire una risposta concreta e tempestiva. Vogliamo che l’A.T.T. sia sempre più un punto di riferimento del paziente oncologico al proprio domicilio. La nostra strategia di intervento garantisce la sicurezza di poter affrontare la malattia nel proprio contesto di vita migliorando quindi la percezione della persona anche rispetto al benessere ambientale. Gestiamo i sintomi e le necessità di percorso stando vicini alle famiglie in tutte le piccole sfide quotidiane; il cancro infatti, è una malattia di un'intera famiglia e non di un singolo paziente e il nostro obiettivo principale è non lasciarli mai soli”.

“Auguro una buona festa a tutte le donne – conclude Spinelli – soprattutto a quelle che in questo momento stanno affrontando la malattia oncologica e lo fanno con la forza e il coraggio che le contraddistingue. L’A.T.T. è vicina a loro non solo per l’8 Marzo ma anche tutti gli altri giorni dell’anno”.

Per informazioni contattate le sedi A.T.T. di Firenze (055.24.666) e di Prato e Pistoia (0574.570835).


ARCHIVIO MAI VISTO: LA BOHEME di Giacomo Puccini

Fondazione Franco Zeffirelli | Firenze
ARCHIVIO MAI VISTO:
LA BOHEME di Giacomo Puccini
Giovedì 7.3.2019 | ore 17.30 | Palazzo San Firenze
Piazza San Firenze 5 | Firenze


Secondo incontro del 2019 con Archivio mai visto, l’appuntamento con il patrimonio di appunti e ricordi che il Maestro Zeffirelli ha donato a Firenze e che si apre per scoprire i segreti del suo straordinario lavoro.

Giovedì 7 marzo, alle 17.30 (ritrovo alle ore 17.15 davanti la biglietteria) è in programma La Bohème di Franco Zeffirelli. Si tratta dell’Archivio mai visto, percorso alla scoperta delle messe in scena realizzate per la celebre opera di Giacomo Puccini rappresentata per la prima volta al Teatro Regio di Torino nel 1896 con la direzione del ventinovenne maestro Arturo Toscanini.

Il percorso è a cura di Caterina d’Amico, studiosa di teatro e di cinema, consulente della Fondazione Franco Zeffirelli.

Nella sua autobiografia e nelle sue testimonianze, Franco Zeffirelli non nasconde il fascino che su lui esercita il personaggio di Mimì e il suo amore minacciato e reso per questo più struggente dalla tubercolosi, sullo sfondo di un ambiente bohèmien della Francia di metà ‘800.

Il Maestro torna più volte alla Bohème durante la sua carriera, tutte le volte proponendo un’unica perfetta e ineguagliabile interpretazione dell’Opera: nel ’63 al teatro alla Scala con Mirella Freni e Gianni Raimondi; nel 1981 al Metropolitan di New York con Teresa Stratas e José Carreras con la direzione di James Levine e al teatro dell’Opera di Roma nel 1992 con Mirella Freni e Francisco Araiza.

Il percorso inizierà con la visita alle sale dedicate all’opera e, dopo una breve introduzione su Zeffirelli e la Bohème, si concluderà con l’esclusiva visita all’archivio personale del Maestro in cui saranno mostrati gli schizzi e i bozzetti inediti realizzati in preparazione delle diverse produzioni.

La partecipazione alla visita costa 10 euro e la prenotazione all’evento è obbligatoria; si può scrivere all’indirizzo ticket@fondazionefrancozeffirelli.com oppure si può telefonare (dalle 10 alle 17, dal martedì alla domenica) al numero 055.2658435.

 ___°°°___
 Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze 5 – Firenze
www.fondazionefrancozeffirelli.com; info@fondazionefrancozeffirelli.com
Info, biglietteria e prenotazioni visite guidate tel. 055-2658435

Proverbio Toscano del Giorno

"Servi il nobile ancorchè sia povero"

mercoledì 6 marzo 2019

PERCORSI LEONARDIANI

Domenica 10 marzo nel centro storico di Firenze

Un calendario di percorsi cittadini che porteranno a scoprire le connessioni tra la figura di Leonardo e il centro cittadino, ripercorrendo i passi che l'artista quotidianamente faceva nei suoi anni di permanenza a Firenze.
http://musefirenze.it/percorsi-leonardiani/

COSIMO E CATERINA DE' MEDICI: IL CINQUECENTENARIO

Per tutto il 2019 a Firenze

Prendono il via le celebrazioni per il Cinquecentenario dalla nascita dei due Medici che diventarono principi e segnarono la storia di Firenze, che per l'occasione ospiterà fino a dicembre un ricco palinsesto di eventi, mostre e incontri.
https://www.500cosimocaterina.it/

Proverbio Toscano del Giorno

"Non è scappato chi si trascina dietro la catena"

martedì 5 marzo 2019

Conferenza "Transformational Leadership of Mahatma Gandhi and its Relevance in the Contemporary World"

di Shobhana Radhakrishna (Gandhian Forum for Ethical Corporate Governance). In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dalla nascita del Mahatma Gandhi. 5 marzo 2019, ore 11.30, Aula magna del Rettorato, piazza San Marco, 4 - Firenze. Organizzazione: Università di Firenze, Embassy of India in Rome.
https://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2019/gandhi_050319.pdf

Medicina di genere e “mondo delle donne”


incontro a Firenze per la Festa della donna Il 7 marzo alla Biblioteca umanistica

dell’Università di Firenze, per la Giornata internazionale della donna, incontro con la

responsabile del Centro di coordinamento regionale per la Salute e la Medicina di genere

Mojgan Azadegan e con la Prof. di Sociologia Rita Biancheri e Maria Grazia Ricci (Università

di Pisa). Coordina Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso

libero.



La medicina di genere e la sociologia della salute, tenendo conto delle ricerche empiriche

sulla violenza di genere e con particolare attenzione ai «costi delle malattie sulla

donna».

Questi i temi principali dell’incontro “Il mondo delle donne” che Fondazione il Fiore e

Biblioteca umanistica dell’Università di Firenze organizzano il 7 marzo nella sala Comparetti di

quest’ultima, in piazza Brunelleschi n. 3-4, per celebrare la Giornata internazionale della donna

2019. Un appuntamento a ingresso libero a cui interverranno come relatrici la responsabile del

Centro di coordinamento regionale per la Salute e la Medicina di genere Mojgan Azadegan e la

Professoressa di Sociologia Rita Biancheri e Maria Grazia Ricci dell’Università di Pisa. Ad

aprire l’incontro, che avrà come moderatrice la presidente della Fondazione il Fiore Maria

Giuseppina Caramella, sarà il saluto di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca

umanistica.

«Le differenze di genere influiscono su prevenzione, diagnosi e cura delle malattie –

scrive Mojgan Azadegan,  introducendo il tema del suo intervento, intitolato “Medicina di

genere in Toscana” -. Uomini e donne, pur essendo soggetti alle medesime patologie,

presentano sintomi, progressione di malattie e risposta ai trattamenti molto diversi tra loro.

In quest’ottica la Medicina di Genere prevede specifici obiettivi per lo sviluppo di una

cultura e una presa in carico della persona che tenga presenti le differenze di genere non solo

sotto l'aspetto anatomo-fisiologico, ma anche delle differenze biologico-funzionali,

psicologiche, sociali e culturali, oltre che di risposta alle cure». Bisogna «garantire a ogni

individuo, maschio o femmina, l’appropriatezza terapeutica rafforzando ulteriormente il

concetto di “centralità del paziente” e di “personalizzazione delle terapie”». «Nel 2014 la

Regione Toscana – spiega Mojgan Azadegan - ha istituito il Centro di coordinamento regionale

per la salute e la medicina di genere e nel 2016 il Sistema toscano per la salute e la medicina

di genere, di cui fanno parte il Centro di coordinamento regionale e la Rete territoriale.

Obiettivo principale è quello di ridefinire l'assetto del Centro di coordinamento regionale

per la salute e la medicina di genere e puntare su un modello “a rete” per una medicina sempre

più attenta alle differenze di genere».

Il filo rosso della relazione di Rita Biancheri e di Maria Grazia Ricci sarà costituito, a

partire «dalla complessità del quadro teorico e dai risultati prodotti dalla ricerca empirica

sul tema della violenza di genere», dalle «conseguenze sulla salute e le possibili

risposte sanitarie» di tale tragico fenomeno; «tenendo presente la categoria di genere e

cercando di mettere in connessione elementi che hanno avuto finora una collocazione parallela,

ma non convergente, come l'analisi dei costi delle malattie sulla donna».





Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore.

Tel.: 055-225074

Assegno ricevuto dall'Associazione Tumori Toscana A.T.T.A

Ammonta a oltre 21 mila euro il maxi assegno ricevuto dall'Associazione Tumori Toscana A.T.T.A consegnarlo, in occasione del carnevale dei bambini che orgazanizza ogni anno, è stata l'Associazione Borgognissanti presieduta da Fabrizio Carabba. Presenti oltre a lui Cristina Giachi, Vicesindaca e assessoraEducazione del Comune di Firenze, Giuseppe Spinelli, Presidente A.T.T. e Giulio Ravoni, coordinatore medico A.T.T.La cifra è frutto della cena in Piazza Ognissanti e del Concerto Gospel nella Chiesa di Ognissanti organizzati dall'Associazione Borgognissanti per raccogliere fondi a favore delle cure domiciliari oncologiche gratuite.In particolare la somma raccolta sarà finalizzata all'inserimento nello staff A.T.T. di nuove figure mediche da formare specificamente per far fronte all'aumento delle richieste di assistenza e alla maggiore complessità dei pazienti."Ringraziamo Fabrizio Carabba - ha detto Giuseppe Spinelli, Presidente dell'A.T.T., che da anni sostiene la nostra attività in modo concreto e generoso"."Il nostro ringraziamento va anche al Light Gospel Choir e alla sua direttrice Letizia Dei - ha continuato Spinelli- per il concerto di Natale organizzato insieme all' Associazione Borgognissanti. Infine vorrei ringraziare tutte le persone che hanno partecipato a queste iniziative, permettendoci di raggiungere questo considerevole risultato" ha concluso il dottor Spinelli.




Associazione Tumori Toscana A.T.T.

Tel 055.24.66.666

Proverbio Toscano del Giorno

"Il pane degli altri è troppo salato"

lunedì 4 marzo 2019

Proverbio Toscano del Giorno

"E' meglio esser uccel di bosco che uccel di gabbia"

venerdì 1 marzo 2019

Modi di dire: “l’è da rihovero”

Si usa per indicare una persona che ha commesso azioni o ha espresso opinioni  molto stravaganti, tali da essere giudicate folli. Un modo colorito e bonario per sottolineare l’eccentricità delle azioni o delle parole di tale persona  tanto da consigliarle di essere ricoverata in un reparto di “salute mentale”. Od ancora, tali azioni e parole sono talmente folli che si posso vedere od ascoltare solo in un reparto di psichiatria: “l’è roba da rihovero”.
RDF

I Settimana didattica internazionale del Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (Sagas)

La Settimana è un'iniziativa del Sagas, dipartimento di eccellenza MIUR 2018-2022, e prevede una serie di lezioni di docenti internazionali sui temi delle eredità culturali, oltre ad altri appuntamenti e incontri. La manifestazione sarà inaugurata lunedì 4 marzo ore 14.30 dal rettore Luigi Dei, dal direttore del dipartimento Andrea Zorzi e dal presidente della Scuola Umanistici e della Formazione Gianfranco Bandini. 4 - 8 marzo 2019. Organizzazione: Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (Sagas).
https://www.sagas.unifi.it/art-271--i-settimana-didattica-internazionale.html
https://www.unifi.it/art-3963-settimana-didattica-internazionale-sulle-eredita-culturali.html

FONDAZIONE FRANCO ZEFFIRELLI CONCERTO DEL PIANISTA YANNICK VAN DER VELDE


Sabato 02.03.2019 h. 20.30
Sala dellaMusica|Complesso monumentale di San Firenze|Firenze

In linea con la vocazione della Fondazione Zeffirelli a promuovere i giovani artisti per farli affermare nel mondo delle arti dello spettacolo - e nell’ambito della nuova serie dei “Concerti di San Firenze” organizzati da Francesco Ermini Polacci, direttore artistico della attività culturali - sabato 2 marzo, alle ore 20.30 nella splendida Sala della Musica della Fondazione Zeffirelli a Firenze, avrà luogo il concerto del pianista belga Yannick Van de Velde.

Van de Velde è stato il vincitore del Concorso Pianistico del Festival Virtuoso&Belcanto nel 2016 e di altre competizioni internazionali, come il Concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni a Bolzano (2015), Queen Elizabeth Competition in Belgio (Premio Walkiers-Carbonelle), Los Angeles Piano Competition (2018), premio del pubblico e  “Prix d’Argent” a Parigi durante il Piano Campus Competition, e ha ricevuto il primo premio al concorso della Fondazione Nany Phillepart.

Grazie a tutte queste affermazioni, Van der Velde è attualmente ai vertici della scena musicale europea e per l’occasione proporrà un omaggio al Maestro Franco Zeffirelli eseguendo una selezione della Romeo & Juliet Suite di Prokofiev, quindi la Sonata Op.110 di Beethoven e la Sonata N.2 (tema & variazioni) di Szymanowski.

L’accesso al concerto  - offerto da BioNatura, sempre attenta a tematiche culturali e main sponsor del Festival Virtuoso&Belcanto - è con biglietto a 10 euro, acquistabile tramite il circuito Ticketone o direttamente alla biglietteria della Fondazione. È possibile prenotare l’ingresso al concerto sia telefonicamente chiamando il numero 055.2658435 oppure inviando una mail a ticket@fondazionefrancozeffirelli.com.


La biografia Yannick Van de Velde

Appassionato, sensibile, intelligente e talentuoso, Yannick Van de Velde ha grande esperienza sia come solista sia come musicista da camera. Nel suo repertorio vanta più di 30 concerti tra cui l’integrale di Maurice Ravel. Ha suonato sotto la guida di direttori di orchestra come  Stanley Dodds, Erich Lederhändler, Etienne Siebens, Micheal Hofstätter , Ivo Venkov, Fabrice Parmentier, e molti altri. Fortemente interessato alla musica contemporanea, ha  suonato  la prima mondiale delle “Chanson” per pianoforte ed orchestra di Jean-Frédéric Neuburger e “Dream” di Frederic Rzwesky.

Yannick Van de Velde ha suonato in oltre 40 paesi e in luoghi famosi come la sala grande della Filarmonica di Berlino (come solista con l’ Orchestra Sinfonica di Berlino), il Museo dell’Acropoli di Atene, il Lincoln Center di New York…

Van de Velde ha studiato con Klauss Hellwig e Elisso Virsalladze e attualmente studia con Boris Berman alla Yale University. È membro del Trio Solisti della Filarmonica di Berlino (con il primo violista Christophe Horak e il violoncellista Bruno Delepelaire)


Festival Virtuoso&Belcanto

Il concerto di Yannick Van de Velde alla Fondazione Zeffirelli sarà l’occasione per presentare il Festival Virtuoso&Belcanto di Lucca – ideato e diretto da Riccardo Cecchetti -, un appuntamento imperdibile per gli amanti della musica classica e non solo. Da segnalare che il concerto di Van der Velde, è il primo grande appuntamento, che annuncia ed anticipa Virtuoso&Belcanto, il Festival di Musica Classica, che avrà luogo dal 15 luglio al 28 luglio a Lucca, giunto alla sua quarta edizione. La manifestazione è un progetto innovativo che prevede tre percorsi, tutti legati tra loro in un susseguirsi di appuntamenti di altissimo livello: i Corsi di perfezionamento, i Concorsi riservati ai musicisti iscritti ai corsi e per i quali sono previsti splendidi premi e i Concerti dei Virtuosi, che hanno luogo nei più suggestivi luoghi della città di Lucca, come Palazzo Pfanner, la Chiesa dei Servi, la Chiesa di San Michele. Tutte le informazioni sul Festival Virtuoso e Belcanto nel sito www.virtuosobelcanto.com.

 ___°°°___
 Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze 5 – Firenze
www.fondazionefrancozeffirelli.com; info@fondazionefrancozeffirelli.com
Info, biglietteria e prenotazioni visite guidate tel. 055-2658435

8 marzo - Teatro della Pergola - Incontro con il pubblico -

Incontro con il pubblico



Venerdì 8 marzo | ore 18 | Teatro della Pergola



Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini incontrano il pubblico. Coordina Matteo Brighenti.



Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Teatro della Pergola - Via della Pergola 12/32 - 50121 Firenze
www.teatrodellapergola.com - www.teatrodellatoscana.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi ben serve non sarà mai ricco"