sabato 30 settembre 2017

1° ottobre - Open day Museo Franco Zeffirelli

Open day Museo Franco Zeffirelli
Arte, Concerto, Inaugurazione
piazza San Firenze Firenze
Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli
 
dom 1 ott 2017

Il Centro Internazionale delle Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli (CIAS) apre le porte al pubblico con il suo primo Open Day domenica 1 ottobre, dalle ore 10.00 alle 18.00, presso il Complesso di San Firenze. L’ingresso sarà gratuito per tutti i residenti di Firenze e provincia; per stranieri e non residenti il biglietto sarà a prezzo ridotto (Euro 7,00).

Una giornata a porte aperte per visitare il Museo e poter così ammirare la vasta raccolta di bozzetti di scena, figurini, disegni, fotografie e tutto quel che fedelmente documenta i settant’anni di attività del maestro Zeffirelli nell’opera, nel cinema e nel teatro di prosa.

Il Museo sarà regolarmente aperto dal lunedì al mercoledì e dal venerdì alla domenica con orario 10-18; il giorno di chiusura è il giovedì. Il prezzo dei biglietti sarà di: Euro10,00 (intero), Euro 7,00 (ridotto).

Nella stessa giornata di domenica 1 ottobre la Fondazione Zeffirelli ospita un’iniziativa di solidarietà per la Fondazione Andrea Bocelli, a favore della quale il pubblico potrà devolvere un’offerta simbolica.

1° Ottobre - FIRENZE SUONA CONTEMPORANEA | X Edizione

FIRENZE SUONA CONTEMPORANEA | X Edizione

Domani sera l'HELSINKI CHAMBER CHOIR in concerto

Chiesa di Santa Maria a Settignano

Piazza Niccolò Tommaseo, 18  Settignano – Firenze
Ingresso libero, ore 21

Dopo il grande successo della performance di Vanessa Beecroft a Palazzo Strozzi, continua questa decima edizione di Firenze Suona Contemporanea con il concerto dell’ensemble vocale finlandese HELSINKI CHAMBER CHOIR che eseguirà nella Chiesa di Santa Maria a Settignanodomenica 1 ottobre alle ore 21, i madrigali di CarloGesualdo da Venosa, di Salvatore Sciarrino e Claudio Ambrosini.           
Il gruppo HELSINKI CHAMBER CHOIR è stato fondato nel 1962 come coro della Radio Finlandese, e ha assunto il suo nome attuale nel 2005. È il solo coro da camera professionale in Finlandia e, oltre al repertorio classico, vanta 50 prime esecuzioni assolute solo nel periodo che va dal 2005 a oggi, oltre che prestigiose incisioni discografiche.

Nils Schweckendiek è il direttore artistico del Coro da Camera di Helsinki dal 2007. Laureatosi al Clare College di Cambridge, ha proseguito gli studi di direzione d’orchestra e di coro a Friburgo e ad Helsinki, debuttando all’Opera Nazionale Finlandese alla guida di una produzione di Der Rosenkavalier. Si dedica con passione alla musica contemporanea, ed ha diretto circa 90 prime esecuzioni assolute, tra pagine per teatro musicale, orchestra sinfonica, coro e complessi strumentali. è professore di direzione corale presso l’Accademia «Sibelius» dal 2014, e direttore artistico del Coro dell’Helsinki Music Centre dal 2017. Oltre a dirigere numerose formazioni  filandesi, Nils Schweckendiek è stato invitato a esibirsi all’estero con vari complessi corali di prestigio, tra cui il SWR Vokalensemble Stuttgart, il Coro Nazionale della Radio Danese e il Coro della Radio dei Paesi Bassi. È fondatore e direttore artistico del Concorso Internazionale di Composizione «Einojuhani Rautavaara».


Programma:

Carlo Gesualdo da Venosa Io parto Claudio Ambrosini Acrobata Salvatore Sciarrino Ecco mormorar l'onde Salvatore Sciarrino Rosso, così rosso Salvatore Sciarrino O lodola Salvatore Sciarrino Sole alto Andrea Cavallari Magnificat I

Carlo Gesualdo da Venosa Moro, lasso, al mio duoloClaudio Ambrosini La pupara Carlo Gesualdo da Venosa Tu piangi Claudio Ambrosini Soliloquy Carlo Gesualdo da Venosa Quando ridente e bella

direttore 
Nils Derek Schweckendiek

FIRENZE SUONA CONTEMPORANEA è sostenuto da Regione Toscana, Comune di Firenze (nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2017), Ente Cassa di Risparmio di Firenze; è realizzato in collaborazione con la Galleria Lia Rumma.
Progetto realizzato nell'ambito di Toscanaincontemporanea2017FLAME | Florence Art Music Ensemble festival@firenzesuonacontemporanea.it

Villa Corsini a Castello

Foto di Francesco Baciocchi

venerdì 29 settembre 2017

Il piccolo golfo dell’Arno

"La sorpresa di Firenze che si rinnova a ogni viaggio. Il piccolo golfo dell’Arno così bene “male” illuminato la sera nei lungarni, la linea sempre aurea dei palazzi, lo svolgersi delle strade, la nettezza dei particolari, il nitore del cielo e dei profili."
(Ennio Flaiano)

Archivio di Stato di Firenze 23 settembre – 8 ottobre 2017 Nello spazio intorno all’uomo - Disegni e modelli di Leonardo Savioli

Archivio di Stato di Firenze 23 settembre – 8 ottobre 2017
Nello spazio intorno all’uomo
Disegni e modelli di Leonardo Savioli

Una mostra e visite guidate all’archivio dell’architetto
Settembre-dicembre 2017

Archivio di Stato di Firenze, Sala mostre
Viale della Giovine Italia, 6 – 23 settembre | 8 ottobre 2017

Una iniziativa a cura di Roberto Fuda

Selezione scientifica delle opere a cura di
Carolina De Falco, Letizia Nieri, Massimiliano Nocchi, Paola Ricco

Orari apertura mostra
23 settembre, ore 15.00-19.00 con visite guidate alle ore 15.30 e 17.30 / 24 settembre, ore 10.00-14.00 con visite guidate alle ore 10.30 e 11.30
25 settembre – 8 ottobre: da lunedì a venerdì ore 9-17; sabato ore 9-13 con apertura a richiesta in portineria
Chiuso domenica 1° ottobre

Per informazioni:
Archivio di Stato di Firenze, tel. 055 2632 0245, 055 26320238 | www.archiviodistato.firenze.it
  Il programma dell’evento: http://www.architetturatoscana.it/wp-content/uploads/2017/09/SAV100asfi-web.pdf

Leonardo Savioli (Firenze, 1917-1982), uno dei più illustri architetti toscani del Novecento, è figura sensibile e poliedrica. Il suo archivio, nelle numerose serie che lo compongono e per la qualità dei documenti che conserva, restituisce una mappa dei molti ambiti di lavoro dell’architetto: progetti d’architettura, opere di grafica, materiali didattici, documenti vicini alla sfera privata – tutti raccolti nel corso di una vita professionale – sono le tracce di un processo creativo che si apre a interessi sfaccettati. La matrice umanista respirata negli anni della formazione attraverso gli insegnamenti di Giovanni Michelucci si affianca all’attenzione verso la cultura artistica e architettonica internazionale più aggiornata: entrambe concorrono all’elaborazione di un linguaggio architettonico che, nel corso della sua maturazione, approda a esiti di notevole interesse. La mostra su Leonardo Savioli si propone di ripercorrere , attraverso sezioni tematiche, l’esperienza professionale dell’architetto, illustrandone le opere principali.

29 settembre - Le Murate -Presentazione libro con Autore -ELISA BIAGINI INCONTRA IL POETA STEFANO CARRAI - Festival Internazionale di Poesia VOCI LONTANE, VOCI SORELLE

VENERDI' 29 SETTEMBRE


    h 17:30 Presentazione libro con Autore

Il Laboratorio Nuova Buonarroti, nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2017 e in collaborazione con l’Associazione culturale La Nottola di Minerva, presenta:

ELISA BIAGINI INCONTRA IL POETA STEFANO CARRAI
Festival Internazionale di Poesia VOCI LONTANE, VOCI SORELLE

Stefano Carrai insegna Letteratura italiana all’Università di Siena. Ha scritto su vari autori, da Dante ai moderni: tra i suoi lavori più recenti Saba (Salerno ed., 2017) e la cura delle Poesie di Brunetto Latini (Einaudi, 2016). Collabora a varie importanti riviste e iniziative editoriali e dirige il “Centro Studi Franco Fortini” dell’Università di Siena. Col suo primo libro di versi, Il tempo che non muore (Interlinea, 2012) ha vinto il Premio Pisa per la Poesia nel 2013 e il Premio Contini Bonacossi nel 2014, mentre la seconda raccolta, La traversata del Gobi (Nino Aragno ed., 2017, postfazione di Stefano Scaffai) ha appena vinto il premio Viareggio – Rèpaci.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Il Porcellino

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Quando piove d'agosto, piove miele e piove mosto"

giovedì 28 settembre 2017

Firenze la bella



"Roma la santa, Bologna la dotta, Genova la superba, Firenze la bella, Venezia la ricca."
(Proverbio francese)

foto di Roberto Di Ferdindo


28 settembre - “ATT è ATTiva per te” Testimonial Federico Chiesa

“ATT è ATTiva per te”

Testimonial Federico Chiesa

Regia - Leonardo Torrini      Fotografia - Gianni Ugolini

 Un giovane talento, campione di sport e solidarietà

Giovedì 28 Settembre 2017 alle ore 13.00

Sala Macconi – Palazzo Vecchio – Firenze

gentilmente messa a disposizione dal Comune di Firenze



Interverranno:

Sara Funaro – Assessore welfare e sanità del Comune di Firenze

Stefania Saccardi - Assessore salute e welfare della Regione Toscana

Giuseppe Spinelli – Presidente A.T.T.

Federico Chiesa – Testimonial A.T.T.



Associazione Tumori Toscana A.T.T.

055.24.66.666 -

29 ottobre - "La violenza contro le donne come strategia di guerra"

Nell'ambito del Seminario permanente "Contrastare la violenza verso le donne un impegno per l’università", con Micaela Frulli, Università di Firenze. Il 29 settembre 2017 dalle 12, presso il Polo delle Scienze Sociali, edificio D4, aula 1.02, via delle Pandette, 9 Firenze. Organizzazione: Università di Firenze, con il coordinamento di Lucia Re, Silvia Rodeschini, Maria Luisa Vallauri e Luisa Vierucci e con il patrocinio del CUG - Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la non discriminazione e il benessere di chi lavora dell'Università di Firenze.
Info: https://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2017/contrastare_la_violenza_ott_set_17.pdf

Proverbio Toscano del Giorno

"Quando piove e c'è il sole, il diavolo fa all'amore"

2 ottobre - Conferenza - Umberto Cassuto. Da Firenze a Gerusalemme

Umberto Cassuto. Da Firenze a Gerusalemme
Presentazione dei volumi della Rassegna Mensile di Israel
Umberto Cassuto, Maestro di Bibbia nel paese della Bibbia,
a cura di Angelo M. Piattelli e Alexander Rofé
Lunedì 2 ottobre 2017, ore 14.30
Rettorato, Aula Magna, piazza San Marco, 4 - Firenze
Saluti istituzionali
Prof. Luigi Dei, Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Firenze
Dott.ssa Sara Funaro, Assessore del Comune di Firenze
Prof. Nicholas Brownlees, Direttore del Dipartimento di Lingue,
Letterature e Studi Interculturali, Università degli Studi di Firenze
Dott.ssa Sara Cividalli, Consigliera dell'Unione delle Comunità Ebraiche
Italiane
Ing. Dario Bedarida, Presidente della Comunità Ebraica di Firenze
Arch. Alberto Boralevi, Fondazione per i Beni Culturali Ebraici in Italia
Introduce e modera
Prof.ssa Ida Zatelli, Cattedra di Lingua e Letteratura Ebraica, Università
degli Studi di Firenze
Interventi
Prof. Alexander Rofé, Università Ebraica di Gerusalemme
Rav Riccardo Di Segni, Direttore del Collegio Rabbinico Italiano
Prof. David Cassuto, Università Ariel d’Israele
Pausa caffè
Rav Gianfranco Di Segni, Direttore della Rassegna Mensile di Israel
Dott. Angelo M. Piattelli, Rassegna Mensile di Israel, Gerusalemme
Prof. Bruno Di Porto, Università degli Studi di Pisa
Prof. Alberto Cavaglion, Università degli Studi di Firenze

Il David

Foto di Patrizia Pireddu

mercoledì 27 settembre 2017

28 settembre - BIOFOTONI ED ENERGIA PER LA VITA

di Paolo Manzelli

CONVEGNO

BIOFOTONI ED ENERGIA PER LA VITA

28 settembre 2017, ore 9:00÷19:00

Sala delle Adunanze dell’Accademia dei Georgofili, Logge Uffizi Corti, 50122 Firenze

Programma

Alla fine del XIX secolo, la scienza fondamentale aveva scoperto l’elettrone ed il fotone quali onde/particelle quantistiche del campo elettromagnatico. Nell’avvicinarsi alla fine del XX secolo, la vita sociale ed economica senza elettroni e fotoni è quasi impensabile : portano l’elettricità e la la luce nelle nostre case, trasportano la nostra voce lungo le fibre ottiche  che compongono le immagini che vediamo sugli schermi dei nostri televisori e cellulari.
Malgrado ciò il trasferimento delle conoscenze nella comprensione dei sistemi viventi è ancora oggi assai limitata a causa della permanenza di un modello “meccanico della scienza” che di fatto impedisce lo sviluppo della futura società della conoscenza condivisa. Pertanto il tema dei Biofotoni ed Energia per la Vita, (28 Sett 2017 c/o accademia dei Georgofili in Firenze, Programma in: http://www.giulianaconforto.it/?p=7208), coglie un elemento essenziale dello sviluppo delle conoscenze della moderna “biologia quantistica” applicabile all’agronomia sia nella produzione alimentare che ecologica ed alla medicina e la rigenerazione biologica della salute e del benessere.
Per mettere in luce il valore delle possibilità attuali di sviluppo delle conoscenze relative al campo elettromagnetico e la sua quantizzazione il convegno sarà aperto da una commemorazione della creatività di Nikola Tesla. https://dabpensiero.wordpress.com/2017/09/24/arte-quantisticabiofotoni-e-rinnovamento-della-vita-la-colomba-di-nikola-tesla/
Infine sara’ realmente importante dare continuità all’integrazione transdisciplinare di conoscenze ed innovazione emergenti dal Convegno organizzato da Egocreanet (ONG-Firenze). A tale scopo richiediamo di sostenere e far sostenere l’attività di promozione di EGOCREANET sottoscrivendo contributi presso la Rete del Dono.

L'unione delle arti.....



"E quando siete a Firenze, davanti al campanile di Santa Maria del Fiore, voi potete vedere la prova dell’unione delle arti… nei pannelli esagonali con i bassorilievi uno rappresenta la Pittura, sotto forma di un pittore nella sua bottega. In questi bassorilievi sono le pietre miliari della torre più perfetta costruita in Europa. Questa pietra è stata scolpita dalla mano del suo architetto, e di più, questo architetto-scultore, Giotto, era il più grande pittore del suo tempo."
(John Ruskin)

Immediatezza ed esperienza tra Wittgenstein e il pragmatismo. Convegno. Firenze,28-29 settembre 2017

Convegno
Immediatezza ed esperienza
tra Wittgenstein e il pragmatismo
Firenze, 28-29 settembre 2017

Sala Comparetti
(Piazza Brunelleschi 4)



Si tratta del terzo appuntamento organizzato da un gruppo di ricerca su Wittgenstein e il pragmatismo nato tre anni fa grazie alla collaborazione tra gli atenei di Roma Tre (dipartimento di Filosofia, comunicazione e spettacolo) e Venezia Ca’ Foscari (dipartimento di Filosofia e beni culturali) e l’associazione culturale Pragma.
Il convegno mette utilmente in comunicazione il gruppo con l’unità di ricerca sull’ontologia del qualitativo, QuaOntoTech – Qualitative Ontology Technology, recentemente costituitasi presso il dipartimento di Lettere e Filosofia di Firenze con l’obiettivo di indagare da diversi punti di vista la dimensione qualitativa dell’esperienza.

programma: https://www.letterefilosofia.unifi.it/upload/sub/locandine-iniziative/iniziative-2017/tra-wittgenstein-e-il-pragmatismo-firenze-locandina.pdf


La partecipazione è libera e non richiede registrazione.

Villa Corsini a Castello

Foto di Francesco Baciocchi


Proverbio Toscano del Giorno

"Quando piove e tira vento, serra l'uscio e statti dentro"

martedì 26 settembre 2017

La pappa al pomodoro



“[…] La pappa al pomodoro è l’unica zuppa che si mangia con la forchetta. Noi toscani siamo bastian contrari in tutto e la tavola non fa eccezione. Mangiamo il pane sciocco invece che condito. Chiamiamo schiacciate i dolci e torte le cecine. Fumiamo i sigari storti anziché dritti  e ammezzati anziché interi. Cuociamo quasi a metà la bistecca e due volte la ribollita. Negli ultimi vent’anni siamo diventati bastian contrari purtroppo anche nella stagionalità così da cucinare la pappa al pomodoro tutto l’anno a causa dell’imbastardimento turistico, l pigrizia gastronomica di certi osti del centro e della grettezza bottegaia che supera perfino l’ovvia parsimonia di chi sfrutti la stagionalità per tenere basso il food cost. Tuttavia la pappa al pomodoro ha il suo momento.
Adesso (in estate) che i pomodori hanno preso tutto il sole dell’estate e sono i più maturi dell’anno, adesso che il basilico si profuma con un’intensità drogrante a causa delle maggiori escursioni termiche fra giorno e notte, adesso  è il momento della pappa al pomodoro. A voler essere della pignoleria degna del miglior gourmet bisognerebbe aspettare ancora, fino alla prima frangitura delle olive, con l’olio nuovo da aggiungere a crudo. Quello è l’unico amaro tollerato dalla pappa al pomodoro che dev’esser dolce come l’estate, come le vacanze, come il far niente dopo un anno di lavoro. […] Se in trattoria vi servono una pappa al pomodoro acidula dovete rimandarla indietro. […].
La ricetta è questa. Si fa rosolare l’aglio nell’extravergine, si aggiungono i pomodori, il basilico abbondante, si copre con acqua o brodo vegetale e si aggiunge pane toscano raffermo lasciando cuocere per 20 minuti circa completando con extra vergine a crudo e pepe nero macinato a fresco. Diffidate delle versioni di certi siti internet che postulano una base di soffritto buona solo a dare un gusto greve alla pappa o che per darsi un tono consigliano di togliere i semi e la buccia ai pomodori. Tra le regole condivise: pomodorini perini o fiorentini, pane tagliato sottile perché non lasci dei pezzi e tavola con la forchetta. […]”
(di Aldo Fiorelli, su Corriere Extra del 1° settembre 2017)