sabato 31 agosto 2019

ITINERARI FIORENTINI: Viita guidta alla Certosa al Galluzzo

Con la preziosa partecipazione propositiva della nostra fida guida Stefania e senza indulgere nelle indolenti mollezze dell’estate
siamo qui a snocciolare il calendario programmatico dei prossimi e nuovi “ITINERARI FIORENTINI” per gli ultimi mesi del 2019.
Si inizia quindi il pomeriggio di sabato 14 settembre con la visita guidata, mai fatta prima, alla magnifica Certosa al Galluzzo.
PERCORSI DELLA CO(NO)SCENZA
Stefania ci istruisce: “Il complesso monastico della Certosa di San Lorenzo al Galluzzo, costruito alla metà del ‘300 sulla sommità
del monte Acuto per volere di Niccolò Acciaiuoli, conserva intatto dopo sette secoli il fascino dell’isolamento splendido e maestoso.
ITINERARI FIORENTINI
La disposizione dei luoghi e l’ampiezza degli spazi delle certose, diversa da quella di ogni altro monastero, è studiata in modo
che pochi monaci possano vivere in comunità e allo stesso tempo coltivare in solitudine una potente vita contemplativa.
La visita alla Certosa sarà l’occasione per capire la storia del luogo e la singolare vita degli antichi abitanti in spazi armoniosi
e perfettamente funzionali, che suscitarono l’interesse perfino del grande Le Corbusier. Non mancano opere d’arte eccelse:
le lunette del Pontormo con storie della passione, una straordinaria tomba marmorea, bellissime vetrate, un grandioso chiostro
Camminamenti e visite in musei, mostre, conventi e chiese
decorato con 66 teste di Giovanni della Robbia. Alla Certosa il nutrimento è sostanzioso, sia per gli occhi che per lo spirito
La quota di adesione, onnicomprensiva, è fissata in 18,00 euro e il raduno è alle 14.45 avanti la Certosa. Si può già prenotare.
Libreria dei Lettori - Via della Pergola, 12 - 50121 Firenze - T. 055/2264333 - libreriadeilettori@gmail.com

domenica 25 agosto 2019

Antiche insegne resistono: via Cavour

Foto di Roberto Di Ferdinando

venerdì 23 agosto 2019

lunedì 19 agosto 2019

Treni in ritardo

Stazione di Santa Maria Novella. Treni in ritardo i viaggiatori in attesa aumentano.
Foto di Roberto Di Ferdinando


domenica 18 agosto 2019

giovedì 8 agosto 2019

FloReMus - Rinascimento Musicale a Firenze Festival internazionale

Associazione L’Homme Armé

in collaborazione con Fondazione CRF - Regione Toscana - Institut Français de Florence - Fondazione Scuola di Musica di Fiesole onlus - Estate Fiorentina - Comune di Firenze - Polo Museale della Toscana



presenta

FloReMus

Rinascimento Musicale a Firenze

Festival internazionale



Dal 27 agosto al 12 settembre 2019





L’Associazione L’Homme Armé, attiva da trentacinque anni e che da un quarto di secolo organizza rassegne dedicate alla musica antica, dal 27 agosto al 12 settembre 2019 dà vita alla terza edizione di «FloReMus. Rinascimento Musicale a Firenze», il primo festival interamente dedicato alla musica del Quattro-Cinquecento collocato nella città che ha maggiormente influito sulla cultura rinascimentale nelle sue varie sfaccettature, artistico-visive, letterarie, musicali, filosofiche, scientifiche e politiche. Difatti la città, oltre a essere notoriamente la culla del Rinascimento pittorico ed architettonico, è stata un importantissimo laboratorio dei principali indirizzi musicali del Rinascimento e non solo; se molti sanno della nascita del melodramma a Firenze nel 1600, pochi ne conoscono la lunga gestazione cui questa città ha dato un contributo tutt’altro che secondario, fondamentale per tutta la musica dei secoli successivi. La terza edizione del Festival avrà un focus legato a tre importanti ricorrenze: 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, ma anche dalla nascita di Cosimo I, primo Granduca di Toscana, e di Caterina de’ Medici, diventata regina di Francia come moglie di Enrico II. Il calendario degli appuntamenti, che abbraccia un arco di tempo più ampio di quello delle precedenti edizioni, sarà articolato in diversi momenti e in luoghi con differenti caratteristiche:



-          concerti serali: affidati ad interpreti di livello internazionale, e collocati in luoghi di straordinario interesse culturale; ospiti esteri di quest’anno sono l’ Ensemble Doulce Mémoire diretto da Denis Raisin Dadre (Francia) e il Sollazzo Ensemble diretto da Anna Danilevskaia (Basilea, Svizzera); composizione internazionale anche per European Lute Quartet, che include un solo italiano.

-          concerts à boire: affidati a giovani gruppi e singoli musicisti emergenti, e collocati, in orario da aperitivo, in contesti più informali e anche conviviali;

-          conversazioni: incontri su temi legati al periodo storico, affidati ad esperti del settore che li affronteranno con un taglio da alta divulgazione;

-          laboratori: un momento didattico divulgativo rivolto anche a chi sa pochissimo del Rinascimento a Firenze;

-          corso internazionale: interamente dedicato al repertorio rinascimentale, oggi il meno studiato anche nei tanti corsi di musica antica che sono nati nei Conservatori italiani. Il corso, realizzato in collaborazione con la Scuola di Musica di Fiesole, è rivolto sia ad appassionati e amatori, sia a giovani musicisti di livello avanzato; si articola in tre diversi atelier: il primo per ensembles già costituiti (30/8-1/9, il secondo dedicato al madrigale e alla chanson (5-8/9), il terzo dedicato al repertorio carnascialesco fiorentino (5-8/9).



CONCERTI SERALI



LUNEDÌ 2 SETTEMBRE



Lunedì 2 settembre, ore 21.15, Biblioteca di Michelozzo, Museo di San Marco (Piazza San Marco, Firenze)

Sollazzo Ensemble diretto da Anna Danilevskaia (Basilea, Svizzera): firenze circa 1350. Musica al tempo dello sbocciare dell’Umanesimo. Musiche di Paolo, Donato, Giovanni e Lorenzo da Firenze e Francesco Landini con un giovane Ensemble già noto a livello internazionale. Tra il 1350 e il 1400, la città di Firenze fu l’epicentro di una fioritura culturale che ha influenzato la cultura italiana fino ad oggi: l’architettura e le arti stavano subendo un cambio estetico, il dialetto fiorentino fu elevato a lingua letteraria sovraregionale da poeti come Dante, Petrarca e Boccaccio e la città raggiunse un alto livello di civilizzazione e cultura.



MARTEDÌ 3 SETTEMBRE



Martedì 3 settembre, ore 21.15, Biblioteca di Michelozzo, Museo di San Marco

European Lute Quartet (Sigrun Richter, Jean Marie Poirier, Thierry Meunier, Gian Luca Lastraioli): Il giardino del liuto. Musiche per quattro liuti. Musiche di N. Vallet - R. Ballard - G. Pacoloni e di vari anonimi del XVI secolo. Lo splendore e l’estro del repertorio per il liuto, lo strumento più popolare del Rinascimento, affidato a quattro virtuosi europei.



MERCOLEDÌ 4 SETTEMBRE



Mercoledì 4 settembre, ore 21.15, Basilica di San Miniato al Monte (via delle Porte Sante 4)

L’Homme Armé diretto da Fabio Lombardo; voce recitante Pietro Bartolini: Una Passione per il popolo. La Passione secondo Matteo di Corteccia, il musico del Granduca Cosimo I. Musiche di Francesco Corteccia

A cavallo tra gli anni Venti e Trenta del XVI secolo, il giovane musicista mediceo compone due passioni. In questo concerto viene presentata la passione secondo Matteo, a tutt’oggi ancora inedita (la trascrizione è stata effettuata da Fabio Lombardo direttamente dal manoscritto conservato all’Opera del Duomo), un esempio del particolare stile fiorentino che si andava sviluppando in quegli anni parallelamente all’invenzione del madrigale. Corteccia diventerà il musico prediletto del Granduca Cosimo I e viene ancora oggi considerato uno dei migliori testimoni della musica del Rinascimento fiorentino.



VENERDÌ 6 SETTEMBRE



Venerdì 6 settembre, ore 21.15, Auditorium di Sant’Apollonia (via San Gallo, 25)

Ensemble Doulce Mémoire diretto da Denis Raisin Dadre (Francia): Musiche per il regno di Francesco I di Valois. Musiche per la Chambre du Roi. Un concerto che ricrea il fascino della vita di tutti i giorni alla corte di Francia nel XVI secolo attraverso il repertorio musicale della Camera del Re. Appassionato di feste, balli e spettacoli, Francesco I sarà circondato dai migliori cantanti e strumentisti di Francia per rendere la vita di corte piacevole e rinvigorita, ma anche per partecipare alla sua politica di prestigio. Niente di meglio di uno dei migliori e più longevi gruppi specializzati (Denis Raisin Dadre fondò l’Ensemble Doulce Mémoire nel 1989) per ridare vita a questo singolare repertorio.



BIGLIETTI: nei luoghi dei concerti un’ora prima dello spettacolo per i concerti serali del 2, 3 e 6 settembre (biglietto intero euro 18, ridotto euro 12). I biglietti prenotati, data la capienza limitata degli spazi, vanno ritirati 30 minuti prima dell’inizio dei concerti.

Il concerto di mercoledì 4 alla Basilica di San Miniato al Monte è a ingresso libero.
Le conversazioni sono tutte a ingresso libero.

Informazioni e prenotazioni: tel. 055 695000/3396757446 informazioni@hommearme.it www.hommearme.it

Conversazioni



Le conversazioni, dedicate a temi interdisciplinari connessi alla musica del Rinascimento e in particolare ai soggetti dei concerti serali, saranno rivolti al pubblico degli appassionati e affidati ad esperti del settore, scelti per particolare esperienza e attitudine nella divulgazione di alto livello. Ad eccezione delle prime due, si svolgeranno nella Sala Aleramo della Biblioteca delle Oblate (via dell’Oriuolo 24), importante luogo culturale nel centro storico di Firenze. Tutte le conversazioni saranno a ingresso libero.



Domenica 1 settembre, ore 17

Palazzo Medici Riccardi, Via Cavour 3, Firenze (Sala Luca Giordano)

La “danza cosmica” di Caterina de' Medici. Committenza coreografica sull’asse Firenze-Parigi, con Gloria Giordano, in collaborazione con il Comitato Cosimo e Caterina



Venerdì 6 settembre, ore 18.30

Institut français de Florence, Piazza Ognissanti 2, Firenze

Musiche alla corte di Francesco I, re di Francia, con Denis Raisin Dadre, fondatore dell’Ensemble Doulce Mémoire



Sabato 7 settembre, ore 18.30

Biblioteca delle Oblate, via dell’Oriuolo 24, Firenze

Leonardo da Vinci e il ritratto di Josquin Desprez, con Walter Testolin



Martedì 10 settembre, ore 18.30

Biblioteca delle Oblate, Firenze

Simonetta e le altre: le donne nella festa fiorentina del Quattrocento, con Paola Ventrone





Concerts à boire



Questi concerti, di breve durata, si svolgeranno durante tutto l’arco del Festival nel tardo pomeriggio, in vari luoghi della città, con particolare attenzione ai luoghi di aggregazione giovanile, purché dotati di acustica adeguata al tipo di musica eseguito. Saranno affidati a giovani gruppi vocali o strumentali che si saranno segnalati durante le varie attività didattiche organizzate da L’Homme Armé, contribuendo a far conoscere e a stimolare i giovani esecutori di musica antica.

Tutti i concerts à boire saranno a ingresso libero.



Martedì 27 agosto, ore 19.30,  Le Murate. PAC, Firenze

Stranamoniae in «Zefiro torna». Madrigali di Claudio Monteverdi. Rossana Bertini, Francesca Caponi soprani; Elisabetta Vuocolo contralto; Luca Mantovani tenore; Lorenzo Tosi basso. Direzione R. Bertini.



Venerdì 30 agosto, ore 18.30, Caffè del Verone (Museo degli Innocenti, Piazza della Santissima Annunziata, 13)

Marco Saccardin, voce e liuto; musiche di Josquin, Cara, Tromboncino



Domenica 1 settembre, ore 18.30

Palazzo Medici Riccardi, Firenze

PRIMO Concerto del III Corso Internazionale di Musica Rinascimentale

allievi dei corsi e docenti de L’Homme Armé

in collaborazione con il Comitato Cosimo e Caterina



Domenica 8 settembre, ore 18.30

Palazzo Medici Riccardi, Firenze

SECONDO Concerto del III Corso Internazionale di Musica Rinascimentale

allievi dei corsi e docenti de L’Homme Armé

in collaborazione con il Comitato Cosimo e Caterina



Martedì 10 settembre, ore 19.30, Altana della Biblioteca delle Oblate, Firenze (via dell’Oriuolo 24) Lunaensemble, diretto da Luciano Bonci; musiche di Monteverdi



Mercoledì 11 settembre, ore 19.30,  Le Murate. PAC, , Firenze

Consorzio delle viole della Scuola di Musica di Fiesole; musiche di J. Dowland, J. Jenkins, G. Coperario, T. Lupo, T. Morley


 

Corso internazionale di musica rinascimentale



Atelier per gruppi vocali (30 agosto - 1 settembre)

Il corso è rivolto a gruppi vocali già formati, minimo 4 voci, con o senza direttore. Il programma di studio, che sarà preventivamente concordato tra il docente e il direttore/leader del gruppo, potrà includere una parte del repertorio rinascimentale del gruppo e almeno un brano studiato ex novo per l’occasione. Nei giorni immediatamente precedenti la presenza del gruppo stesso, è possibile concordare un programma di lezioni espressamente rivolte ai direttori. L’ultimo giorno è previsto un concerto di tutti i gruppi partecipanti. I migliori gruppi verranno inviati ad esibirsi da soli all’interno del programma del Festival.

Docenti: Fabio Lombardo, Mya Fracassini



Atelier Chanson e Madrigale (5-8 settembre)

Questo corso si rivolge a cantanti e strumentisti che hanno già concluso o stanno per concludere il loro percorso formativo. Il programma di studio si concentrerà sul repertorio del madrigale italiano e della chanson francese del Cinquecento, da Josquin a Marenzio. Per iscriversi allegare al modulo d’iscrizione almeno 2 file audio con due brani cantati recentemente. All’interno del corso ci sarà anche una lezione teorico-pratica sulla danza rinascimentali. L’ultimo giorno è previsto un concerto di tutti i partecipanti. I migliori allievi verranno inviati ad esibirsi all’interno del programma del Festival.

Docenti: Fabio Lombardo, Gabriele Lombardi, Gian Luca Lastraioli, Denis Raisin Dadre (masterclass sulla chanson)



Atelier “Ben venga maggio” Dal 5 all’8 settembre (mattina e pomeriggio)

Il corso è rivolto ad cantori appassionati del repertorio o curiosi di conoscerlo con una buona esperienza corale e d’insieme. Il programma del corso si concentrerà sul repertorio dei canti carnascialeschi, trionfi e canzoni villanesche del Quattro-Cinquecento. L’ultimo giorno è previsto un concerto con tutti i partecipanti.

Docenti: Fabio Lombardo, Gian Luca Lastraioli



Durante il corso sono previste esecuzioni pubbliche con la partecipazione degli allievi e dei docenti. A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.



L’HOMME ARMÉ, fondato nel 1982, svolge un’intensa attività di ricerca e di esecuzione concertistica e discografica del repertorio, principalmente vocale, dal Trecento al Seicento, dedicando particolare attenzione al repertorio fiorentino, In questo ambito ha effettuato registrazioni discografiche come Musica a Firenze al tempo di Lorenzo il Magnifico, Regina Pretiosa: una celebrazione mariana del Trecento Fiorentino, Missa in Assumptione Beatae Mariae Virginis di Marco da Gagliano. Nel corso delle sua attività concertistica ha ripetutamente e con successo eseguito grandi opere della letteratura antica come Vespro della Beata Vergine, Intermedi della Pellegrina, Rappresentazione di Anima et di Corpo). Nel corso degli anni ha collaborato con vari musicisti e direttori quali Frans Bruggen, Andrew Lawrence-King, Christophe Coin, Andrew Parrott, Kees Boeke, Alan Curtis. Da molti anni la direzione artistica del gruppo è affidata a Fabio Lombardo.

L’Homme Armé è stato ripetutamente presente nelle stagioni concertistiche di importanti istituzioni e festival, come ad esempio Ravenna Festival, Teatro Valli di Reggio Emilia, Mart di Rovereto, Teatro Regio di Parma, Unione Musicale di Torino, Amici della Musica (Verona, Mestre, Firenze), l’Orchestra della Toscana, la Società del Quartetto di Milano, il Festival Barocco di Viterbo, il Festival Cusiano del Lago d’Orta, i Concerti del Gonfalone di Roma; inoltre Canto delle Pietre, Segni Barocchi di Foligno, Taormina Festival, Festival Monteverdi di Cremona, Anima Mundi di Pisa, Concerti al Quirinale (RAI), Teatro Grande di Brescia e svariati altri. Negli ultimi anni, il gruppo ha sviluppato una riflessione sulle affinità tra alcune delle problematiche sollevate dalla “musica antica” e alcune forme di pensiero musicale attuale, ricercando analogie tra la ricerca della prassi esecutiva del repertorio antico e di quello contemporaneo. Tale riflessione ha stimolato L’Homme Armé ad estendere il proprio campo di ricerca ed esecuzione anche alla musica contemporanea. Ha così presentato con successo programmi molto particolari che affiancano musiche antiche e contemporanee da Dufay, Josquin, Palestrina, Janequin, Vecchi a Messiaen, Kurtag, Hersant, Lang, Sciarrino, Pezzati, Pärt, Nono, Cage, Berio; di quest’ultimo in particolare sono stati eseguite composizioni notevoli come Laborintus II, Cries of London e A-Ronne. Con questo repertorio ha partecipato tra l’altro a Fabbrica Europa, Architecture of voices (Kiev), Maggio Musicale Fiorentino, Tempo Reale Festival. In virtù della competenza professionale e del livello artistico delle sue esecuzioni, l’ensemble ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti e commissioni da istituzioni e comitati nazionali.



Laboratorio “Quant’è bella giovinezza”. Musica e storie del Rinascimento fiorentino



Il laboratorio, tenuto da Fabio Lombardo ed Eva Tonietti, sarà espressamente rivolto a persone che sanno poco o nulla dell’arte, della cultura e della musica di questo periodo, e avrà l’obiettivo di stimolare lo sviluppo di una minima conoscenza sui tesori artistico-musicali della città, sia attraverso delle narrazioni sia attraverso attività pratiche musicali e poetiche. Il laboratorio verrà replicato più volte nelle Biblioteche Comunali, in particolare quelle più periferiche:

Mercoledì 28 agosto, ore 17, Circolo ARCI il Progresso (via Vittorio Emanuele II)

Lunedì 9 settembre, ore 17, Biblioteca Buonarroti (Viale Alessandro Guidoni, 188)

Mercoledì 11 settembre, ore 17, Biblioteca Mario Luzi (Via Ugo Schiff, 8)

Giovedì 12 settembre, ore 17, BiblioteCaNova Isolotto

Luoghi

Le varie attività di FloReMus 2019 saranno distribuite in vari luoghi di Firenze e dell’area metropolitana, tra i quali:

-          Museo di San Marco, Biblioteca di Michelozzo

-          Biblioteca delle Oblate, Sala Sibilla Aleramo

-           Le Murate. Progetti Arte Contemporanea

-          Palazzo Medici-Riccardi

-          Scuola di Musica di Fiesole

-          Basilica di San Miniato al Monte

-          Biblioteche comunali

-          Auditorium di Sant’Apollonia

In collaborazione con:

Fondazione CRF         Regione Toscana         Institut Français de Florence  Fondazione Scuola di Musica di Fiesole onlus   Estate Fiorentina        Comune di Firenze     Polo Museale della Toscana



Proverbio Toscano del Giorno

"Loda il mare, e tienti alla terra"

martedì 6 agosto 2019

"Soprattutto al Bargello la nostra meraviglia non aveva più confini. Tutti questi...."

"Soprattutto al Bargello la nostra meraviglia non aveva più confini. Tutti questi busti che respirano vita e allo stesso tempo sono l'apice del rigore stilistico e della maestria italiana. Questi aristocratici, studiosi, politici, onorevoli matrone e fanciulle poetiche create cinquecento anni fa dalla magia di Donatello, di Desiderio, di Rossellino, di Moni, continuano a vivere e ti sembra quasi di averle conosciute, di vaer ascoltato la loro voce, le loro risate...E allo stesso tempo in questi ritratti scolpiti non c'è ombra di volgarità. Ogni busto costituisce un modello di nobiltà artistica. Questa ritrattistica-scultura è un intero mondo, tanto vaio, quanto vivo"
(Aleksandr Benua)
(Tratto da: "Ho visto Firenze - Guida letteraria - a cura dell'APT Firenze)

Proverbio Toscano del Giorno

"La terra non avvilisce l'oro"

lunedì 5 agosto 2019

Proverbio Toscano del Giorno

"Trenta mugnai, trenta beccai, trenta sartori, fan cento e venti ladri"

giovedì 1 agosto 2019

Anche quest’anno l’adesione più importante è quella dell’A.T.T., con il progetto “MAI SOLI”

Intanto i commercianti fanno sempre meno ferie: turismo e cambiamento consumi dettano legge
Negli ultimi 10 anni -50% giorni chiusura delle attività!



Anche quest’anno la nostra associazione di categoria, in collaborazione con la Città Metropolitana ed il Comune di Firenze, rilancia l’iniziativa “AGOSTO IO CI SONO”, giunta ormai alla tredicesima edizione.

Come già avvenuto nel 2018, l’iniziativa della Fiesa Confesercenti si arricchisce con una nuova, importante adesione, che non ha a che fare con il commercio, bensì con l’aiuto in termini di cure e di supporto psicologico e affettivo ai malati di tumore.

Aderisce infatti ad “Agosto io ci sono” anche l’A.T.T., Associazione Tumori Toscana, con il progetto “Mai Soli” per garantire anche per tutto il mese di Agosto le Cure Domiciliari Oncologiche ai malati e alle loro famiglie, rivolgendo una particolare attenzione a quei pazienti più fragili per i quali, in un periodo critico come quello estivo, diventa fondamentale la vicinanza di personale medico, infermieristico e dei volontari.

Intanto, proprio negli ultimi 13 anni sono cambiati, eccome, stili di vita e capacità di acquisto dei consumatori, e di conseguenza, anche il posizionamento sul mercato delle imprese food.

E’ infatti cresciuto in modo esponenziale il servizio capillare e diffuso che il commercio di vicinato riesce a svolgere, anche nel mese di agosto, nel nostro territorio.

Ciò a conferma di come il commercio tradizionale, in sede fissa e su area pubblica, sia essenziale e necessario per la vivibilità delle città.

Come già negli ultimi 13 anni, anche quest’anno la nostra associazione ha provveduto, nelle scorse settimane, ad inviare un questionario a tutte le attività del settore in modo da raccogliere, per tempo, sul territorio, le indicazioni su aperture e chiusure nel mese di agosto 2019.

Le prime adesioni stanno giungendo in questi giorni e il primo elenco delle attività aderenti sarà presto consultabile, grazie alla preziosa collaborazione con Comune e Città Metropolitana di Firenze, sui siti istituzionali (e profili social) di Confesercenti Firenze (www.confesercenti.fi.it) della Città Metropolitana (www.cittametropolitana.fi.it) e del Comune di Firenze (http://www.comune.fi.it).

“In questo modo anche quest’anno – ha spiegato il Presidente Confesercenti Claudio Bianchi – forniremo un importante servizio ai cittadini che rimarranno nelle nostre città, garantendo una dettagliata informazione sulle attività aperte, con l’obiettivo di garantire, anche nel mese di Agosto, uno shopping “easy”, a portata di mano di famiglie, anziani, soggetti fragili.”

Secondo le stime Confesercenti negli ultimi 13 anni le ferie dei commercianti food durante la consueta “pausa agostana” si sono di fatto più che dimezzate, passando da una media di 20 giorni a quella attuale di 7/10 giorni.

In crescita, negli ultimi anni, anche il numero di attività sempre aperte, tanto da potersi ormai configurare l’esistenza di un sistema distributivo “SEMPRE APERTO” ormai vicino al 65% delle attività, soprattutto se comprendiamo gli esercizi di somministrazione e l’offerta food che giunge dagli oltre 100 mercati rionali/settimanali (a Firenze città anche i mercati coperti di S. Lorenzo e S.Ambrogio che da sempre rivestono una grande importanza dal punto di vista dell’offerta commerciale”.

Le schede di adesione finora raccolte da Confesercenti riguardano imprese di tutto il territorio e comunque appartenenti principalmente alla molteplice gamma delle attività food e somministrazione; il lavoro di “raccolta” continuerà naturalmente anche nei prossimi giorni (per aderire o acquisire info è sufficiente inviare una semplice mail a segreteria@confesercenti.fi.it).

"Come ogni anno, Confesercenti Firenze porta avanti questa virtuosa iniziativa per far conoscere quali esercizi commerciali resteranno aperti in città nel mese di agosto; si tratta di un'analisi importante, che parte dalla constatazione che questi negozi, oltre a garantire il loro servizio in un periodo tradizionalmente di ferie, rappresentano anche un vero e proprio presidio sociale per il nostro territorio. – commenta Federico Gianassi Assessore al Commercio e alle Attività produttive del Comune di Firenze - Ringrazio anche l’Associazione Tumori Toscana che anche quest’anno fa parte del progetto e che con i suoi volontari assicura anche nel periodo estivo questo importantissimo servizio a favore della nostra comunità”.

“Nel periodo estivo la gente e in particolare l’utenza più debole si trova maggiormente in difficoltà – commenta il consigliere delegato per lo Sviluppo Economico della Città Metropolitana Sandro Fallani – e l’apertura dei negozi durante il periodo estivo è un servizio importante che contribuisce alla qualità della vita di chi nelle città ha più bisogno di servizi di prossimità. Gli esercizi commerciali svolgono una funzione sociale e con questa iniziativa, della quale li ringrazio, gli esercenti dimostrano sensibilità e coscienza del loro ruolo”.

“Il periodo estivo –spiega il Dottor Giuseppe Spinelli, Presidente A.T.T. – per molti è il periodo del divertimento e del relax ma non per tutti è cosi: tanti malati oncologici e le loro famiglie sono costretti a rimanere in città e ad affrontare la malattia in condizioni di solitudine e di disagio. Quando la città si svuota e la rete di assistenza si allenta i malati hanno più bisogno di aiuto ed è importante per loro sapere di poter contare su qualcuno. Il nostro obiettivo è quello che nessun malato di tumore debba mai sentirsi solo. L’A.T.T. da sempre NON VA IN VACANZA, perché il cancro non va in vacanza, le malattie gravi non vanno in vacanza, e quindi noi ci siamo, cercando di fornire gli stessi servizi degli altri mesi dell’anno: le cure domiciliari oncologiche gratuite 24h su 24 con personale specializzato”. Per info www.associazionetumoritoscana.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Invito d'oste non è senza costo"