giovedì 29 marzo 2018

Il Signore… ha fatto di Firenze la città della Santissima Annunziata!

"Il Signore… ha fatto di Firenze la città della Santissima Annunziata! Non esiste altra città cristiana (altro tipo di civiltà cristiana) che sia, sotto questo aspetto, confrontabile con Firenze: la stessa struttura urbanistica della città si svolge in modo omogeneo attorno al mistero mariano: la città intera, tutta la sua cultura e tutta la sua storia, è come un poema che ha per centro Maria!"
(Giorgio La Pira)

Arriva a Firenze il Finger Food Festival Da venerdì 6 a domenica a aprile all’Ippodromo del Visarno

Ippodromo del Visarno - piazzale delle Cascine - Parco delle Cascine – Firenze
Ingresso libero


Le Nozze di Figaro ed Estragon portano per la prima volta a Firenze l’evento il più importante evento di valorizzazione delle eccellenze italiane e straniere del cibo di strada e delle birre artigianali: il Finger Food Festival!

Dal 6 all’8 Aprile un universo di nuovi gusti e profumi troverà casa all’Ippodromo del Visarno!

Dopo il successo di pubblico registrato lo scorso anno in 15 città italiane, il Finger Food Festival è pronto a sbarcare anche a Firenze per una speciale edizione capace di mettere insieme il meglio delle “cucine di strada” italiane e straniere e delle birre artigianali, il tutto accompagnato da una splendida colonna sonora a cura dell’Estragon di Bologna.

Per quattro giorni si incontreranno le vere eccellenze del cibo di strada, tra cui tanti prodotti dop e igp del territorio e moltissimi prodotti da filiera corta, come gli arrosticini abruzzesi e le bombette di Alberobello, le olive ascolane e il pasticciotto salentino, oltre a tanti altri prodotti tradizionali da altri continenti (anche vegani, vegetariani e senza glutine), un tripudio di sapori per un “giro del mondo in 80 morsi”.

Per tutta la giornata passeranno le migliori selezioni musicali di Estragon Club con particolare attenzione alla world music, il genere che meglio si sposa con i cibi di strada, una esperienza per tutti i sensi!

Insomma: saranno tre giorni di festa per tutte le età, ma soprattutto sarà un appuntamento per palati fini, che saprà deliziare tutti i sensi degli avventori. Per un fine settimana Firenze si candida ad essere la capitale italiana del cibo. 

Scarica il video del Finger Food Festival
https://goo.gl/Xw2wPt

ORARI
Venerdì 6 Aprile: dalle ore 18.00 alle 24.00
Sabato 7 Aprile: dalle ore 12.00 alle 24.00
Domenica 8 Aprile: dalle ore 12.00 alle 23.00

CIBI DI STRADA e BIRRE ARTIGIANALI
Abruzzo: Arrosticini
Calabria: Panini con la Nduja e Salsicce piccanti alla Brace
Campania:  Mozzarella di Bufala alla brace, Carni di Bufala alla Brace
Emilia Romagna: Gnocco Fritto, Pesce Fritto, Tigelle, Polpette, Tortelli,
Liguria: Farinata, Focaccia Genovese
Lombardia: Sciatt della Valtellina
Lazio: Carciofi alla Giudia, Supplì
Marche: Olive Ascolane, Olive al Tartufo, Fiori di Zucca Fritti, Pesce Fritto in Cartoccio
Puglia: Bombette della Valle d’Itria, Pettole, Orecchiette di Grano Arso, Pasticciotti, Burrate, Panzerotti
Sicilia: Arancine, Cannoli, Pane Ca’ Meusa
Toscana: Hamburger di Chianina, Birrificio Bruton
Veneto: Birrificio Lorenzetto
Dal Mondo: Paella Spagnola, Churros, Tacos Messicani, Angus e Filetti Argentini, American Smoked Barbecue, Hamburger di Angus, Souvlaki, Tzatziki

INGRESSO GRATUITO

Info: su Facebook - Finger Food Festival
fingerfoodfestival@gmail.com

10 aprile - DALL’ALCOLOGIA AL VALORE INTER-RELIGIOSO DELL’ESISTENZA UMANA Convegno ad INGRESSO GRATUITO

 10 Aprile 2018
Ore 9.00-14.00
Biblioteca Oblate, Sala Conferenze
Via dell’Oriuolo 24, FIRENZE
con crediti ECM
«Tutti noi non lavoriamo solamente per l'astinenza, ma per la famiglia, per una vita migliore, per una crescita, per una maturazione e infine per la pace.»
(V. Hudolin)

Il convegno nasce dagli stimoli emersi catalogando e studiando l’enorme materiale raccolto da Franco Foggi, donato alla Fondazione Devoto e, di conseguenza, al Centro di Documentazione Informalcol del Centro Alcologico Regionale Toscano,sul tema dei problemi legati al consumo delle bevande alcoliche. Tra questi stimoli, la scoperta della figura di Giovanni Rochat, fondatore nel 1892 della prima Lega di Temperanza e promotore della Lega italiana anti-alcolica a Firenze.

Martedì 10 Aprile  ore 9:00
  
   
Rochat non era un medico ma un pastore della Chiesa Valdese, eppure i suoi scritti, così come quelli di altri studiosi del tempo, sono paragonabili agli attuali documenti della comunità scientifica dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che, tuttavia, ancora oggi faticano ad essere accettati dalla cultura dominante.
Attorno al tema della cultura dominante nasce il pensiero ecologico sociale di Vladimir Hudolin che, attraverso i Club, ha offerto alle persone e alle famiglie con problemi alcolcorrelatipercorsi di crescita antropospirituale a partire dal riconoscimento della complessità e del mistero della vita.
Su questi temi si interrogano da sempre le grandi tradizioni religiose, alcune delle quali sono invitate in questo congresso a riflettere e confrontarsi a partire proprio dall’alcol e dagli stili di vita.

Segreteria organizzativa
U.O. Formazione
Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi
AntonioFelice  Tel. 055.79497040
felicea@aou-careggi.toscana.it
Associazione TuttoèVita Onlus
www.tuttovita.it
info@tuttovita.it
tel. 055.417536/ 333.2748234

Ponte Vecchio

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni creatura ha la sua natura"

mercoledì 28 marzo 2018

Fiorenza


Fiorenza dentro dalla cerchia antica,
ond’ella toglie ancora e terza e nona,
si stava in pace, sobria e pudica.
Non avea catenella, non corona,
non gonne contigiate, non cintura
che fosse a veder piú che la persona.

(Dante Alighieri, Paradiso XV, 97-102)

E come ‘l volger del ciel de la luna
cuopre e discuopre i liti sanza posa,
così fa di Fiorenza la Fortuna:
per che non dee parer mirabil cosa
ciò ch’io dirò de li alti Fiorentini
onde è la fama nel tempo nascosa.

(Dante Alighieri, Inferno XVI, 82-87)

Godi, Fiorenza, poi che se’ sí grande,
che per mare e per terra batti l’ali,
e per lo ‘nferno tuo nome si spande!
Tra li ladron trovai cinque cotali
tuoi cittadini onde mi ven vergogna,
e tu in grande orranza non ne sali.

(Dante Alighieri, Inferno XXVI, 1-6)


29 marzo - Laboratorio di Storia antica

Laboratorio di Storia antica. Incontri di aggiornamento e approfondimento su tematiche specifiche. 29 marzo 2018, ore 15, Plesso didattico di via G. Capponi 9, Aula 1. Organizzazione: Dipartimento di Lettere e Filosofia dell'Università di Firenze.
https://www.letterefilosofia.unifi.it/art-275-laboratorio-di-storia-antica.html

28 marzo - "L’Altrove a Firenze. Testimonianze fra arte e scienza"

28 marzo 2018, ore 17, Rondò di Bacco, Palazzo Pitti Piazza Pitti, Firenze. Organizzazione: Gallerie degli Uffizi e Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze. Per informazioni: 0552388831
https://www.uffizi.it/eventi/l-altrove-a-firenze-testimonianze-tra-arte-e-scienza

Alla scoperta del corso di pelletteria della Palazzo Pucci Fashion Academy.

Organizzare corsi per permettere nuove collocazioni di lavoro
nel settore della pelletteria. Questo è l’innovativo progetto che sta
portando avanti nei locali dello Spazio Reale, a San Donnino, la
Palazzo Pucci Fashion Academy. Progetto creato e sviluppato, stando
attenta al minimo particolare, dalla proprietaria della Fashion, Laura
Chini. Un corso della durata di sei settimane, per 7 ore giornaliere
di lezioni pratiche e per 200 ore complessive. Sedici i ragazzi
impegnati che, al termine del loro processo, sono pienamente
occupabili in aziende del settore. Tre, finora, i corsi organizzati,
con un cento per cento finale di occupazione, in un continuo scambio
con le aziende e con la prospettiva intrigante per i più audaci, di
dare vita a una loro autonoma attività. I partecipanti, non solo
fiorentini, ma anche albanesi, polacchi, rumeni, cubani e perfino del
Sri Lanka, arrivano al corso senza alcuna esperienza in materia e da
zero sono poi capaci di realizzare una borsa e tutti gli accessori
collegati. Grazie alle lezioni di docenti che rappresentano
l’eccellenza in materia, come Luciano Lotti, Monica Gonzaga e Raphael
Lombardo. L’attività di Palazzo Pucci fashion non si limita al solo settore della
pelletteria, ma coinvolge anche corsi di moda, gioielleria e creazioni
di cappelli. Chi fosse interessato a partecipare a uno dei prossimi
corsi può scrivere all’indirizzo: info@palazzopuccieventi.it.
Gianni Di Ferdinando

Ponte Vecchio

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Non fu mai gatta che non corresse a' topi"

martedì 27 marzo 2018

CORSO DI ICONOGRAFIA

CORSO DI ICONOGRAFIA
da lunedì 9 APRILE a venerdì 13 APRILE
dalle ore 18 alle 22
Via Arcangelo Corelli 33/C, 50127 Firenze
«L'arte è un passo che dalla natura va verso l'Infinito.»
(Khalil Gibran)

Sotto la guida dell'iconografa Cinzia Granata, allieva del Maestro Giancarlo Pellegrini, realizzeremo una icona completa partendo dal disegno sulla tavola e seguendo tutte le fasi in modo che ogni partecipante possa portarsi via la tavola finita, risultato del suo lavoro.
IL WORKSHOP È ADATTO SIA A CHI HA GIÀ ESPERIENZA DI PITTURA ICONOGRAFICA, PER APPROFONDIRE ALCUNI ASPETTI MENO NOTI  DEI COLORI, SIA A CHI NON HA ESPERIENZA PITTORICA.
Il corso è a numero chiuso, in modo che ciascuno possa essere seguito personalmente durante le lezioni.

NECESSARIA LA PRE-ISCRIZIONE 
iconografia.firenze@gmail.com


   
   
DURANTE IL CORSO SI REALIZZERA' IL MANDYLION
 con le tecniche tradizionali in uso ancora oggi nei monasteri ortodossi greci e russi. Le icone vengono dipinte con pigmenti naturali, I colori scelti seguono i canoni di un linguaggio simbolico tradizionale. Alcuni materiali utilizzati per la costruzione di una icona sono forniti durante il corso, mentre altri sono a carico del partecipante.
Laboratorio Iconografico Fiorentino
"La Scala degli Angeli"
presso i I RICOSTRUTTORI
Via Arcangelo Corelli 33/C, 50127 Firenze
iconografia.firenze@gmail.com
tel. 055.417536 / 333.2748234   

27 marzo - Le Murate - Presentazione libro con Autore+ CINETECA EUROPA

MARTEDI' 27 MARZO

    h 17:30 Presentazione libro con Autore
Edoardo Olmi presenta:

R:EXISTANCE
Ensemble Edizioni

Premio Nabokovv 2017
Letture e interpretazioni di Margherita Loconsolo, Laura Bozzi, Massimo Blaco, Francesca “Paquita” Santangelo e Verusca Costenaro

Edoardo Olmi, nato a Firenze il 22/09/1984, vive a Roma. Ha pubblicato Il porcospino in pegaso (Felici Editore, 2010). Suoi testi sono apparsi sulle riviste Collettivomensa e Prospektiva, e sul blog di Scrittori Precari. Il libro è stato recensito dai blog di Liberi di Scrivere e dal sito di Temperamente. Nel 2011 ha vinto il terzo premio per la sezione poesia del Carver. Ha collaborato alla trasmissione di letteratura di Radio Onda Rossa. È membro della Rome's Revolutionary Poets Brigade. Questo suo nuovo libro edito da Ensemble Editore ha ricevuto il premio Nabokov 2017

    h 21:00 Cineforum
Nell'ambito di CINETECA EUROPA. Mappa delle arti europee, lo sportello Europe Direct del Comune di Firenze e l'Associazione culturale La Nottola di Minerva presentano:

IL VOLTO. IL TEATRO EUROPEO

Interviene Sergio Givone. Il teatro e la maschera
A seguire proiezione del film:

IL VOLTO

Di Ingmar Bergman. Con Bibi Andersson, Max von Sydow, Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand, Bengt Ekerot. Svezia – 1958 – 101'

Nel panorama delle arti europee, una delle pellicole che ha meglio saputo raccontare il teatro e il ruolo dell’attore nella dialettica teatrale tra verità e finzione, introdotta da uno dei massimi esperti esperti di estetica italiani.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Via di San Leonardo

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Non è mai gran gagliardia, senza un ramo di pazzia"

lunedì 26 marzo 2018

26 marzo - I' CINEMINO - Cineforum LE ROSE DEL DESERTO

LUNEDI' 26 MARZO

    I' CINEMINO
A cura del Circolo PD 2 Santa Croce - Ciompi – Ciclo Guerra subita

h 21:15 Cineforum

LE ROSE DEL DESERTO

Un film di Mario Monicelli. Con Michele Placido, Giorgio Pasotti, Alessandro Haber, Fulvio Falzarano, Moran Atias – Italia – 2006 – 102'

Il racconto della tragedia attraverso la commedia.

Estate 1940. Le truppe italiane sono in Libia. Il terzo reparto della sezione sanità si accampa in un'oasi sperduta del deserto libico: la convinzione di tutti è che il soggiorno sarà breve, brevissimo. C'è anche un frate fra i soldati: un uomo che aiuta la popolazione locale a sopravvivere sia alla vita difficile che alla guerra. Per tutti il soggiorno in Libia appare più come una missione umanitaria che una guerra. In poco tempo però il conflitto bellico si avvicina in modo impressionante e il campo viene preso d'assalto tanto da soldati in fuga che da feriti. E la guerra prende davvero il sopravvento.
Mario Monicelli, classe 1915, maestro indiscusso del cinema italiano e internazionale, prodigiosa firma di tanti capolavori, è arrivato, in età davvero ammirevole, a firmare la sua sessantacinquesima regia. E ci parla ancora della guerra, come aveva così magistralmente fatto in La grande guerra. Liberamente tratto da "Il deserto della Libia" di Mario Tobino e dal brano "Il soldato Sanna" in "Guerra di Albania" di Giancarlo Fusco, il film non è fra i capolavori del grande regista, ma riserva momenti di grande poesia, ironia e suggestivo immaginario visivo. Perché il tocco di Monicelli c'è e si vede: il racconto della tragedia attraverso la commedia; l'arte della leggerezza e dell'umorismo usati quali veicoli per narrare tragedie altrimenti insopportabili. Rimane in fondo, sempre e comunque, l'ammirazione per un più che novantenne signore che ci ha raccontato nell'arco della sua lunga e prolifica carriera più di cinquant'anni di storia e di società italiana.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it   

27 marzo - Conferenza - “PSICOLOGIA PROIBITA”

MARTEDÌ 27 MARZO ALLE ORE 21, presso la  nostra sede di Firenze, Lungarno Guicciardini 11/R, all’ultimo appuntamento del ciclo di incontri dal titolo “PSICOLOGIA PROIBITA” a cura del Dottor Massimiliano Galastri, psicologo e ricercatore, con una conferenza dedicata a “IL RICORDO DELLE VITE PRECEDENTI”. L’ingresso è libero e non occorre prenotazione.



Per leggere un breve articolo di presentazione vedi il nostro sito alla pagina https://archeosofiafirenze.org/2018/03/21/27-marzo-2018-vite-precedenti/





Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze

Lungarno Guicciardini, 11/rosso

50125 Firenze

Tel. 055215940

info.firenze@boxletter.net

http://archeosofiafirenze.org

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

28 marzo - presenzatione: Interdizioni israelitiche, curata da Gianmarco Pondrano Altavilla

L’Associazione Italia-Israele di Firenze – in collaborazione con la Fondazione Spadolini Nuova Antologia, la Fondazione Ernesto Rossi-Gaetano Salvemini, il Comitato Toscano per la promozione dei valori risorgimentali e il Circolo Fratelli Rosselli - ha promosso la presentazione (mercoledì 28 marzo 2018, ore 17.00, presso la Fondazione Spadolini Nuova Antologia) della nuova edizione delle Interdizioni israelitiche, curata da Gianmarco Pondrano Altavilla, arricchita da alcune prestigiose prefazioni, fra le quali quelle della Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni e dell’Ambasciatore d’Israele in Italia Ofer Sachs.
L’opera di Carlo Cattaneo sarà presentata da Zeffiro Ciuffoletti e da Gigliola Sacerdoti Mariani, con il coordinamento di Valentino Baldacci. Le conclusioni sono affidate al curatore Gianmarco Pondrano Altavilla.

Prendendo spunto da un caso concreto di intolleranza antiebraica, Cattaneo ripercorre la storia delle “interdizioni israelitiche” – quei divieti che per secoli hanno limitato la vita civile ed economica degli ebrei in Europa – dimostrando quanto all’origine dei tanti pregiudizi vi siano stati (e vi siano tutt’ora) proprio quegli stessi divieti («i nostri avi condannavano l’Ebreo a vivere di usura e di baratti; e poi lo maledicevano come usurajo e barattiere »), e quanto l’intolleranza abbia danneggiato materialmente e spiritualmente quelle comunità e quegli individui che l’hanno praticata.
La nuova edizione di questo capolavoro della letteratura sociopolitica italiana dell’Ottocento, arricchita da un apparato critico e da una serie di autorevoli prefazioni che ne ricostruiscono la centralità e l’attualità, rappresenta oggi uno strumento fondamentale per capire le radici, profonde e resistenti, dell’antisemitismo.

Carlo Cattaneo
 (Milano, 1801 – Lugano, 1869) Scrittore, politico, divulgatore scientifico, è forse il maggior pensatore italiano del XIX secolo. Figura di primo piano della corrente democratica risorgimentale e guida dell’insurrezione milanese delle Cinque Giornate, ha legato il suo nome a una sterminata mole di saggi, articoli, volumi, che nello spaziare dalla chimica alla linguistica, dalla politica alla filosofia teoretica, hanno disegnato una teoria della modernità di straordinaria ricchezza.

Loggia de'Lanzi

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Non c'è vizio peggiore di quello che par bontà"

venerdì 23 marzo 2018

Pitture di Firenze: opera di Hans-Joachim Staude


28 marzo - concerto "Tenebrae factae sunt"

Mercoledì 28 marzo, ore 21, al Cenacolo di Santa Croce a Firenze, il Coro Viri Galilaei presenta il concerto "Tenebrae factae sunt". Il programma  è incentrato sul repertorio della passione e morte di Cristo con l'esecuzione dei più bei Responsori della liturgia del Triduo sacro (mattutino ma anche  liturgie della messa delle Palme e dell'adorazione del Croce del Venerdì Santo) è una sorta di dramma sacro. Rispetto al programma riportato nella locandina, si prevede una modifica: non si canterà le Lamentazioni del profeta Geremia ma il Tractus della Domenica delle Palme Deus, Deus meus.

Una parte dei Cantori  del Coro Viri Galilaei, sempre diretti da Enzo Ventroni, supporteranno i Monaci dell'Abbazia di San Miniato anche nelle liturgie della settimana santa, a partire dalla messa vespertina di sabato 24 marzo e della solenne benedizione delle palme e messa di domenica 25, sempre in Basilica. La messa vespertina del 24 inizierà alle 17,30, la liturgia di domenica 25 inizierà alle ore 10.

Poi, a partire dal Giovedì Santo:

Giovedì 29 marzo, sempre nella Basilica di San Miniato, ore 17,30: Missa in caena Domini

Venerdì 30 marzo, ore 17,30: Liturgia  della Croce

Sabato 31: ore 22,45: Veglia Pasquale e Messa di resurrezione

1 aprile, Domenica di resurrezione: messa alle ore 10

25 marzo - Le Murate - Presentazione libro con Autore È SEMPRE ESTATE

DOMENICA 25 MARZO


    h 17:30 Presentazione libro con Autore

È SEMPRE ESTATE
goWare Edizioni

Con e di Abdou Mbacke Diouf. Modera Cristina Vernizzi, già direttore editoriale di Rcs Education ed esperta di trend letterari e di nuovi media.

Abdou Mbacke Diouf, ma tutti lo conoscono come Ab, è un giovane scrittore, pallavolista professionista, Dottore in biologia molecolare e proprietario della famosa pagina Facebook "Accettare con serenità che certe cose non le accetterai mai con serenità".
Ecco un breve estratto del romanzo riportato in quarta del libro:
"Scoprii qual era la vera causa della mia malinconia, quando un giorno, Modou, con una certa freddezza, mi apostrofò: "Non fare domande: vivi!" E io di domande, purtroppo, me ne facevo sempre troppe. Soprattutto quando mi succedeva qualcosa di bello. Come se io non mi meritassi le cose belle. Come se io non mi meritassi di essere felice. Come se la mia felicità avesse bisogno di una spiegazione. Ogni volta. Domande a cui, poi, non sapevo mai dare una risposta. Forse è questo il segreto della felicità: smettere di farsi domande e viverla..."
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

24 marzo - Le Murate - INCONTRO CON FILIPPO STRUMIA

SABATO 24 MARZO

    h 17:30 Incontro con Autore

INCONTRO CON FILIPPO STRUMIA

Con Filippo Strumia
Presenta e coordina l'incontro il poeta e scrittore Marco Incardona

Un incontro con il poeta Filippo Strumia che dall'emergere della sua prima raccolta "Pozzanghere" nel 2011 con l'Einaudi, ha velocemente acquisito un ruolo importante nel panorama poetico odierno; ruolo confermato e potenziato dalla seconda raccolta "Marciapiede con vista" edito sempre dall'Einaudi nel 2016.
Alla domanda di Luigia Sorrentino "Perché hai tenuto nascosto per così lungo tempo il tuo rapporto con la poesia?", il poeta, con acume ebbe modo di rispondere:
"Siamo tanti personaggi, stati d’animo, visioni del mondo, spesso inconciliabili e reciprocamente scandalosi. Siamo individui e moltitudini. "In ogni angolo della mia anima c’è un altare a un dio differente" diceva Pessoa. La psicoanalisi mi ha aiutato a dare voce, dignità, possibilità espressiva ai diversi aspetti di me stesso. Comprese le corde mute, quelle che non hanno mai risuonato e attendono l’occasione per esprimersi. Il lavoro mi ha permesso di diventare una specie di politeista. Rumi, il poeta persiano, nell’introduzione alla sua opera racconta di una canna strappata. Il vento, soffiando nella canna, suscita una vibrazione che vola in cerca di un cuore. Ha bisogno, cioè, di una cassa armonica che la tramuti in musica, emozione: la nostalgia del canneto. La poesia, credo, agisce fra l'indicibile e il suono. Siamo zeppi di vibrazioni mute, pensieri non pensati, sentimenti non percepiti che attendono e premono, misconosciuti. Abbiamo gli occhi stipati di usignoli, che premono, sbattono contro le pareti, quasi a farle esplodere. La psicoanalisi e la poesia aiutano a percepire le nostre corde, anche le più recondite. Ma questo laboratorio emotivo, o forse alchemico, richiede anche la privatezza e il silenzio."
Come il grande poeta svedese Tomas Trastromer, anche Strumia sembra tradurre il fulcro oscuro della vita, quello non illuminato dalla sfera razionale e strumentale del linguaggio e delle strutture sociali. Una fonte che spinge ai limiti l'umano sentire, forse e soprattutto per scorgere i limiti dell'umano rispetto alla trascendenza che è nella natura delle cose...
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

25 marzo - “L’ETICA SUL PIANO VERTICALE”

 ​appuntamento
 presso il Circolo MCL S. Bartolo, in Via di S. Bartolo a Cintoia, n. 32/d dalle 10.00 alle 12.30
- DOMENICA 25 MARZO -

​​
condotto da Ezio Andretti, è prevista la partecipazione attiva dei partecipanti.
ingresso libero

Ponte Vecchio

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"La natura può più dell'arte"

giovedì 22 marzo 2018

FIRENZE VECCHIA di Dino Campana

"Entro dei ponti tuoi multicolori
L'Arno presago quietamente arena
E in riflessi tranquilli frange appena
Archi severi tra sfiorir di fiori
Azzurro l'arco dell'intercolonno
trema rigato tra i palazzi eccelsi:
Candide righe nell'azzurro: persi
Voli: su bianca gioventù in colonne."

25 marzo - "Sandokan alla riscossa" - Letture di Michele Neri e visita guidata alla sezione di Antropologia del Museo di Storia naturale

Alla riscoperta di Sandokan, attraverso il racconto di Emilio Salgari ispirato da cronache, diari di viaggio e relazioni di esploratori ed avventurieri italiani legati alla storia del Museo. 25 marzo 2018, dalle 14.30 alle 16, Museo di Storia Naturale, Antropologia, via del Proconsolo, 1 Firenze. Per adulti e bambini dai 9 anni in su. Info e prenotazioni: 0552756444; edumsn@unifi.it 
https://www.msn.unifi.it/index.php?module=CALpro&func=item&action=view&ID=48   

23 marzo - Incontro L'Associazione culturale La Nottola di Minerva presenta il concorso letterario: PREMIO INTERNAZIONALE DI LETTERATURA CITTA' DI COMO

VENERDI' 23 MARZO

    h 19:00 Incontro

L'Associazione culturale La Nottola di Minerva presenta  il concorso letterario:

PREMIO INTERNAZIONALE DI LETTERATURA CITTA' DI COMO

Intervengono Giorgio Albonico, ideatore e organizzatore Premio, Chiara Belliti, responsabile inediti, Lidia Castellani, autrice

Alla sua quinta edizione, il Premio Internazionale di Letteratura della Città di Como è già entrato, anche grazie ad una giuria d'eccezione, nel panorama delle eccellenze letterarie italiane. Un appuntamento per presentarlo al pubblico fiorentino.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

24 marzo - "D'elefanti e di balene" - Visite guidate alla sezione di paleontologia del Museo di Storia Naturale

Le visite guidate, su prenotazione, durano un'ora e comprendono la visita ai fossili di grandi mammiferi e allo scheletro della balena di Orciano Pisano di 3 milioni di anni fa. 24 marzo 2018, ore 14 e ore 15, Paleontologia, via La Pira, 4 Firenze. Organizzazione: Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze. Per informazioni: 0552756444 (da lunedì a venerdì 9-17 | sabato 9-13); edumsn@unifi.it
https://www.msn.unifi.it/ag-i-46.html

23 marzo - Conferenza "La lunga vita della legge urbanistica del 1942"

di Mariella Zoppi. Nell'ambito del ciclo di incontri "La cultura politica, giuridica ed economica in Italia tra le due guerre: i seminari della Biblioteca di Scienze sociali". 23 marzo 2018, ore 10.30, Biblioteca di Scienze Sociali, via delle Pandette, 2 Firenze. Organizzazione: Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA). Per informazioni: 0552759828
http://www.sba.unifi.it/CMpro-v-p-1472.html

Firenze

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni campanile suona le sue campane"

mercoledì 21 marzo 2018

Percorso botanico-medicinale al chiostro delle Medicherie

“Gli Orti dei Semplici sono nati per lo studio “dal vivo” delle piante medicinali, in particolare quando la Botanica iniziò a staccarsi dalla Medicina pratica divenendo una materia a sé stante. Erano Orti a servizio dello studio e, in particolare, delle Università Mediche. Già alla fine del XIII secolo in Santa Maria Nuova era funzionante una Scuola di Medicina che avrebbe legato la sua storia all’Ospedale, fondato nel 1288, fini al 13 novembre 1859. Inoltre fin dal XV secolo sicuramente funzionava una Spezieria (i primi documenti sono del 1376)
Un Orto Medico già esisteva fin dalla nascita dell’Ospedale e quindi, insieme alla Scuola e alla Spezieria, si può individuare tale Orto come il “seme” più antico di tutti gli Orti dei Semplici accademici. […] In tempi moderni un grande botanico e storico fiorentino, il Prof. Alberto Chiarugi, […] , afferma che l’abbinamento tra la letteratura degli antichi testi latini e greci sulle piante medicinali e lo studio “dal vivo” delle piante sono il frutto di << quell’insegnamento rudimentale sulle piante medicinali, che si può considerare il primo tentativo del genere e che si praticava sin dal1450  in Firenze sottoforma della cosiddetta Ostensio simplicium nel Giardino dei semplici dell’Arcispedale di santa Maria Nuova>>. Più tardi F. fabbri (19639 ribadisce che <<il Giaridno dei Semplici di Santa Maria Nuova può essere considerato il primo tentativo di Orto Accademico, come l’embrione di quella idea che doveva poi essere brillanemente concretata da Cosimo I dei Medici e da Luca Ghini nei due Giaridni Botanici gemelli di Padova e Firenze>>.
L’importanza fondamentale di questa primogenitura è ovvia: da Santa maria Nuova, da quel primo Orto Medico, è partita l’evoluzione della ricerca farmacologica, in stretta connessione con l’antica spezieria che utilizzava proprio le piante medicinali, i “semplici”, che venivano coltivate in un pezzo di terreno adiacente alla “Croce ospedaliera”. In questo stesso pezzo di terreno, ora denominato “Chiostro delle Medicherie”, è stato ricostruito l’antico orto medico di Santa Maria Nuova.
Alcune piante di questo Orto Medico sono state scelte per sottolineare la relazione di Santa Maria Nuova con altre istituzioni ospedaliere, come il Sedum telephium che la lega alla spezieria dell’abbazia di Vallombrosa. Altre piante sono state scelte per il loro intenso uso che ne veniva fatto al tempo come la Piantaggine. Altre riportano ad antichissime preparazioni monastiche come l’Arancio amaro, il Semprevivo, l’Agnocasto. Molte delle piante scelte entravano nella composizione della Teriaca (Aneto) o di molti Elettuari preparati dalla spezieria di Santa Maria Nuova. Infine, altre piante sono state scelte per la loro valenza magica, come la Mandragora, o altamente religiosa come la Salvia, altre come piante della tradizione popolare come la Vinca.
(Tratto dalla pubblicazione ufficiale del percorso Museale dell’Ospedale santa Maria Nuova – www.fondazionesantamarianuova.com)

22 Marzo - Le Murate - Dibattito e Reading: POESIA CONTEMPORANEA AL FEMMINILE

  GIOVEDI' 22 MARZO


    h 18:00 Dibattito e Reading   -Ewwa presenta:

POESIA CONTEMPORANEA AL FEMMINILE

Come si distingue la poesia femminile da quella maschile oggi? Esiste ancora una differenza di genere?  Di queste tematiche parleranno alcune poetesse Ewwa. A seguire letture scelte delle partecipanti.
Modera: Sylvia Zanotto
Ospite della serata: Edoardo Olmi, poeta del gruppo Affluenti.
Partecipano: Chiara Novelli con Il Cerchio Occidentale, Nicoletta Manetti con Confidenze a un canarino e poesie inedite, Gabriella Becherelli con poesie inedite, Eleonora Falchi con Pensavo fosse amore invece era un Narciso.

EWWA (EUROPEAN WRITING WOMEN ASSOCIATION) è una Associazione senza fine di lucro, nata il 23 settembre 2013 con lo scopo di sostenere la crescita creativa, culturale e professionale delle sue socie. L’idea nasce nel 2012 in seno al Women’s Fiction Festival di Matera per concretizzarsi esattamente un anno dopo. L’Associazione è fondata da un gruppo di donne che operano nel mondo dell’editoria e si rivolge a tutte coloro che hanno fatto della scrittura uno strumento di lavoro, o che con essa si cimentano per passione: scrittrici, sceneggiatrici, editor, giornaliste, traduttrici, interpreti, blogger, ricercatrici, esperte di comunicazione culturale.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

I ‘Primi di Toscana’ protagonisti all’Istituto alberghiero Bernardo Buontalenti.


Uno dei due appuntamenti di selezione fiorentina del concorso
‘ I Primi di Toscana’, la sfida a distanza tra quattordici istituti
alberghieri, organizzata dalla Regione Toscana, ha fatto tappa
all’alberghiero Bernardo Buontalenti di Firenze. Cinque i piatti
presentati dagli alunni della scuola, scelti da una prima selezione
interna di dodici partecipanti, dai quali è uscito il vincitore, che
parteciperà alla finale regionale, in programma il prossimo 11 maggio
all’istituto Saffi di Firenze. L’evento in questione organizzato dalla
preside dell’istituto fiorentino, Maria Francesca Cellai, ha visto
sfilare davanti alla giuria del concorso cinque squadre di alunni
della scuola, formate ognuna da due allievi di cucina e uno di sala,
che hanno presentato questi primi. Acqua cotta destrutturata, Pici al
pesto di cavolo nero con crumble, Tagliolini di barbabietola con
cavolo nero su crema di ceci, Ravioli di pappa al pomodoro su crema di
fagioli e Tortellone rosso con pomodorini confit su crema delicata di
pecorino toscano e croccante di pomodori secchi. I singoli piatti,
abbinati a dei vini selezionati, assaggiati da una platea di curiosi
invitati, si sono distinti per gusto, presentazione, scelta e
accostamento degli ingredienti. Il piatto vincitore, che rappresenterà
il Buontalenti alla finale di maggio, e’ risultato il Tortellone rosso con
pomodorini confit, preparato da Giacomo Della Rosa, Matteo Guarnieri e
Mattia Lepri, della classe 5 L Eno. Piatto considerato il migliore per
il bilanciamento dei prodotti, il sapore, la stagionalità e
l’abbinamento con il vino, un Chianti classico biologico Badia a
Coltibuono Doc 2015. Una menzione speciale da parte della giuria,
affascinata dalle singole presentazioni degli studenti finalisti,
anche per un piatto atipico come l’Acqua cotta destrutturata.
Gianni Di Ferdinando

21 marzo - Lectio Poetica di Gabriele Frasca "Il dolce stil no"

In occasione della Giornata internazionale della poesia. Con i saluti del Rettore Luigi Dei; a cura di Teresa Megale, Delegato per le attività artistiche di Ateneo. 21 marzo 2018, ore 15, Aula magna del Rettorato, piazza S. Marco, 4 Firenze.
https://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2018/poesia_210318.pdf

21 marzo - Incontro "Facciamoci guidare. Percorsi olfattivi nell'Orto a piedi o con la nuova golf car"

In occasione della Giornata Nazionale del Profumo. Sarà inaugurata la golf car, piccola macchina elettrica a disposizione dei disabili motori o visivi e degli anziani per visitare l’Orto Botanico, seguendo un percorso composto da tappe di particolare interesse scientifico, naturalistico o estetico. 21 marzo 2018, ore 11, Orto Botanico - Ostensium, via Pier Antonio Micheli, 3 Firenze. Il percorso “Facciamoci guidare” sarà inoltre disponibile giovedì 22 e venerdì 23 (ore 15); sabato 24 e domenica 25 (ore 11) ad ingresso libero, su prenotazione. Info e prenotazioni: 0552756444 (da lunedì a venerdì 9-17 | sabato 9-13) edumsn@unifi.it
https://www.msn.unifi.it/index.php?module=CALpro&func=item&action=view&ID=51

Ponte Santa Trinita

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni campanile suona le sue campane"

lunedì 19 marzo 2018

20 marzo - Cineforum.L'ENFANT DU CINEMA

MARTEDI' 20 MARZO


    h 21:00 Cineforum

Nell'ambito di CINETECA EUROPA. Mappa delle arti europee, lo sportello Europe Direct del Comune di Firenze e l'Associazione culturale La Nottola di Minerva presentano:

L'ENFANT DU CINEMA
Edizioni Clichy

Interviene Gabriele Rizza, autore e critico cinematografico. A seguire proiezione del film

EFFETTO NOTTE

Di François Truffaut. Con Jacqueline Bisset, François Truffaut, Valentina Cortese, Jean-Pierre Aumont, Alexandra Stewart. Francia – 1973 – 115'

Uno dei più grandi maestri della pellicola riflette sul cinema. Risultato? Uno dei film più belli di sempre. Continua il viaggio attraverso le arti europee: Francia, cinema, e tanta bellezza.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

20 marzo - Conferenza dedicata a “NEUROLOGIA DELLA MEDITAZIONE”

MARTEDÌ 20 MARZO ALLE ORE 21, presso la sede dell’Associazione Archeosofica, Lungarno Guicciardini 11/R, alla conferenza dedicata a “NEUROLOGIA DELLA MEDITAZIONE”,  secondo appuntamento del ciclo di incontri dal titolo “PSICOLOGIA PROIBITA”, a cura del Dottor Massimiliano Galastri, psicologo e ricercatore.

L’ingresso è libero e non occorre prenotazione.


Per leggere un breve articolo di presentazione vedi il nostro sito alla pagina https://archeosofiafirenze.org/2018/03/14/20-marzo-2018-meditazione/#more-9191



Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze

Lungarno Guicciardini, 11/rosso

50125 Firenze

Tel. 055215940

info.firenze@boxletter.net

http://archeosofiafirenze.org

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

Veduta da via dei Bastioni

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Nessuno può dar quello che non ha"

venerdì 16 marzo 2018

19 marzo - Variazioni sulla poesia di Alberto Caramella: un bestiario illuminato e filosofico

Il 19 marzo presentazione del volume antologico ‘Poesia è scrivere col cuore in gola’ di Alberto Caramella nel salone del Palazzo Acciaiuoli della Certosa di Firenze. Intervengono Martha Canfield, Paola Lucarini, Carmelo Mezzasalma. Poi letture della Lucarini di versi del volume, con intermezzi musicali di Roberta Malavolti. Coordina Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero, segue buffet.



Il poeta Alberto Caramella, padre della Fondazione il Fiore, ha subito il fascino degli animali, «quel mondo naturale parallelo al nostro», per dirla con le parole di Paola Lucarini, che lui «ha osservato attentamente, penetrandolo in profondità, accogliendo in sé la ricchezza di inedite emozioni a provocare sempre nuovi slanci di segrete conoscenze giungendo alla scoperta di un esistere universale che tutte le specie comprende, anche sul piano di insospettate affinità».

A tale mondo e al bestiario illuminato e filosofico che popola i suoi testi è dedicata l’antologia recentemente pubblicata da Polistampa ‘Poesia è scrivere col cuore in gola – Gli animali: che meraviglia’ di Alberto Caramella. Un libro che fa parte del progetto di raccogliere per temi la sua vasta produzione poetica, come spiega la figlia Maria Giuseppina Caramella, attuale presidente della Fondazione il Fiore, e che ha visto prima «la pubblicazione di ‘Inseguendo la bellezza’, ‘L’anima e la memoria’, ‘Il ventre della clessidra’» e ora questo volume sugli animali nei suoi versi.

La nuova antologia sarà presentata lunedì 19 marzo, alle 16,30, a Firenze, nel prestigioso salone del Palazzo Acciaiuoli, nel complesso della Certosa di San Lorenzo al Galluzzo, sul monte Acuto (via del Ponte di Certosa 1), adesso affidata alla Comunità di San Leolino. All’appuntamento, intitolato “Variazioni sulla poesia di Alberto Caramella” e organizzato da Fondazione il Fiore e associazione Sguardo e Sogno in collaborazione con la Comunità di San Leolino, interverranno Martha Canfield, Paola Lucarini e Carmelo Mezzasalma con relazioni sull’antologia edita da Polistampa e più in generale sulla figura poetica di Caramella. Seguirà la lettura da parte di Paola Lucarini di versi tratti dal nuovo volume, con intermezzi musicali al violino di Roberta Malavolti. Maria Giuseppina Caramella modererà l’incontro, che è a ingresso libero e sarà chiuso da buffet.

«Oltre ai domestici cani e gatti – scrive Martha Canfield nel saggio introduttivo di ‘Poesia è scrivere col cuore in gola’ - l’universo poetico di Caramella si espande ad altri mammiferi, non più domestici ma selvatici, potenti e mirabili come il coyote e il giaguaro, ed altri meno amati, come la iena. Il suo sguardo focalizza la lotta per la vita, le sfide tra di loro, gli slanci erotici; ma, e non poteva essere diversamente, attraverso l’osservazione emerge lo specchio che riflette il Sé. Di fronte all’intraprendente giaguaro, “muscoli e nervi”, consapevole di essere dopo la caccia vivo e sazio, giace il poeta, “l’ignavo”, tristemente rassegnato al proprio abbandono, quasi come un anticipo della morte: “Vivo una pena serena infinita…/ Sarebbe, forse un epitaffio?”».

«Tutte le sue riflessioni filosofiche – aggiunge Martha Canfield - partono, in effetti, non da elucubrazioni astratte, ma dagli insegnamenti derivati dall’osservazione di queste creature. Le tartarughe, per esempio, che “vanno lente lente” cercando con il loro leggero scivolare di compensare “la dura alienità della natura”, insegnano a sognare, magari “una felicità di pietra” che per loro sarebbe un traguardo; ma non importa cosa, l’importante è il cammino che si fa verso una meta, forse incoerente, forse contraddittoria, ma sempre superiore all’immediato ruvido e ostile. Sognare e cantare, come gli uccelli, creare, come l’ape; aprirsi al mondo e dare il dono ricevuto della poesia cercata e forse raggiunta: questo è il compito che si è imposto Alberto Caramella e quello che ci insegna con lucida gioia. Impariamo da lui: “Poesia è come / un battito di polso che s’accorge di sé con meraviglia / e si ritrova in lucertola al sole e tra le stelle / in lucciola ritrosa. È come scrivere col cuore in gola / e con la penna a sfera».



Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel.: 055-225074



Alberto Caramella (2 marzo 1928 – 12 marzo 2007) è stato avvocato, poeta e scrittore. Nato a Firenze, vi ha trascorso tutta la vita svolgendo un’intensa attività professionale e d’insegnamento presso la Facoltà di Giurisprudenza prima e la Facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri poi. Ha sempre coltivato l’amore per la poesia e nel 1995 ha pubblicato la sua prima raccolta ‘Mille scuse per esistere’, con prefazione di Giorgio Luti e, in appendice, una lettera di Mario Luzi all’autore. Tra le opere successive si ricordano ‘I viaggi del Nautilus’ (1997), ‘Lunares Murales’ (1999), ‘Il soggetto è il mare’ (2000), ‘Pulizia, o del percezionismo’ (2004), ‘Il libro liberato’ (2005). Nel 1997 nasce la Fondazione il Fiore, voluta da Alberto Caramella per promuovere la poesia di Firenze e la poesia del mondo a Firenze.

18 marzo - Presentazione libro con Autore+LA TERZA VIA - L'ECONOMIA DI COMUNIONE

DOMENICA 18 MARZO


    h 18:00 Presentazione libro con Autore

A PICCOLI PASSI MINORI NON ACCOMPAGNATI E CITTADINANZA ATTIVA -Infinito Edizioni

Di e con Lucia De Marchi

Le migrazioni, e in particolare quelle che riguardano i Minori stranieri non accompagnati, non sono solo dei flussi da monitorare ma fenomeni complessi di cui bisogna comprendere in profondità le dinamiche.
Questo saggio parte da una ricerca sul campo svolta in diverse città italiane e – analizzando le relazioni di questi minori con gli operatori delle comunità, gli insegnanti e il mondo del lavoro – studia le opportunità che vengono offerte ai Minori stranieri non accompagnati per integrarsi in Italia.
Emergono varie difficoltà nell'educare alla cittadinanza attiva questi ragazzi, sia per la scarsità di risorse umane sia per la mancanza di finanziamenti congrui e a causa di vari scogli burocratici. Il passaggio alla maggiore età diventa molto critico per questi giovani, che rischiano l'isolamento e la clandestinità. Ecco allora in questo libro la proposta di un percorso formativo per consentire a questi minori di potenziare le loro competenze e di diventare cittadini attivi.


    h 21:00 Incontro
Associazione costruttori di p@ce presenta:

LA TERZA VIA - L'ECONOMIA DI COMUNIONE

Incontro con l'economista Luigino Bruni

Nel 1991 dopo un viaggio a San Paolo in Brasile, Chiara Lubich intuisce che per superare le enormi disparità che il consumismo e il capitalismo generano, si deve percorrere un'altra strada: si chiamerà ECONOMIA DI COMUNIONE.
Ospite della serata sarà il prof. Luigino Bruni, economista e stretto collaboratore di Chiara Lubich.
Gli ospiti parleranno di povertà, di lavoro, di economia, di felicità e di dono.
Le parole di Chiara "i beni non si muovono, se non si muovono i cuori" saranno il motivo conduttore.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it   

"Firenze una città unica..."

"Che cosa rende Firenze una città unica, che attira ogni anno centinaia di migliaia di turisti da tutto il mondo? I monumenti? I musei, che custodiscono innumerevoli capolavori? Le chiese, i palazzi? La meravigliosa cornice di colline? I panorami? L’“Arno d’argento”? Tutto questo e molto altro ancora."
(Marilena Tamassia, direttrice del Gabinetto Fotografico Polo Museale Fiorentino)

17 marzo - BANCA ETICA: IL DENARO NON È TUTTO... O NO??+Presentazione libro con Autore SIATE RIBELLI, PRATICATE GENTILEZZA

SABATO 17 MARZO
    h 17:00 Incontro

BANCA ETICA: IL DENARO NON È TUTTO... O NO??

    h 19:00 Presentazione libro con Autore

SIATE RIBELLI, PRATICATE GENTILEZZA

Di e con Saverio Tommasi

«Crescete pure ma rimanete piccole, figlie mie. Fate dispetto a chi vi vorrebbe senza sogni pericolosi.»
«Un pilota perde un secondo a giro a ogni figlio che gli nasce» diceva Enzo Ferrari. È una frase bellissima. Significa capire che c'è qualcosa di più importante fuori da sé, e che quando ti nasce un figlio il successo non si misura più con i traguardi con cui l'hai misurato fino a quel momento. I figli sono l'occasione che ti regala la vita di guardarti allo specchio. Tutto quello che sei, quello in cui credi, quello per cui lotti non sono più solo il tuo modo di stare al mondo, ma si caricano di una nuova responsabilità. Da quando sono arrivate Caterina e Margherita (quattro anni e due scarsi), per Saverio raccontare storie con immagini e parole non è più solo un modo per fare il proprio lavoro. È gettare sul mondo uno sguardo che sarà, almeno inizialmente, anche il loro, è fare scelte di cui a loro più che a chiunque altro dovrà rendere conto.
In una lettera alle sue figlie, tra pappe dai colori indecenti e cambi di pannolini in alta quota, terribili gaffe e momenti di grande tenerezza, Saverio affronta i temi che più gli stanno a cuore: la tolleranza, i diritti dei più deboli, la lotta per l'uguaglianza, la denuncia di qualunque forma di razzismo e fascismo, i pericoli della rete. Con grande spontaneità, toni appassionati e talvolta irriverenti, Saverio Tommasi ci regala il gesto d'amore più grande che un uomo possa fare per i propri figli: raccontarsi davvero, a costo di abbassare qualunque difesa.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

16 marzo - QUARTETTO TAAG IN CONCERTO NELLA SALA DELLA MUSICA

Prosegue nella Sala della Musica del complesso di San Firenze il programma dei concerti. Venerdì 16 marzo, alle ore 21, ad esibirsi sarà il Quartetto TAAG, giovane ma già affermata formazione che si sta perfezionando all’Accademia Europea del Quartetto della Scuola di Musica di Fiesole, già vincitrice del Premio Speciale “Piero Farulli” nell’ambito del Premio Crescendo (2015) promosso dall’A.Gi.Mus. di Firenze.

Il concerto segna l’inizio della collaborazione fra la Fondazione Zeffirelli e l’A.Gi.Mus., storica associazione dedita alla valorizzazione dei migliori talenti musicali di oggi: a partire dalla prossima edizione, il Premio Crescendo prevede l’assegnazione del Premio Franco Zeffirelli alla migliore formazione di musica da camera.

Tutto dedicato ad alcune delle principali pietre miliari della letteratura per quartetto d’archi sarà il programma presentato dal TAAG: il drammatico Quartettsatz di Schubert, il classico Quartetto op. 18 n. 4 di Beethoven, il Quartetto di Debussy, unico suo lavoro nel genere, ispirato dalla tradizione ma già aperto alle novità di un gusto tutto novecentesco.

L’ingresso è a pagamento (intero 10 euro, ridotto 7 euro, rinfresco a 10 euro presentando il biglietto) e i biglietti sono disponibili presso la biglietteria del Centro per le arti dello spettacolo (aperta tutti i giorni, giovedì escluso, dalle 10 alle 18) oppure sono acquistabili in rete a questo indirizzo web.

 ___°°°___

 Centro Internazionale per le Arti dello Spettacolo - Fondazione Franco Zeffirelli onlus
Piazza San Firenze 5 – Firenze

www.fondazionefrancozeffirelli.com

info@fondazionefrancozeffirelli.com; tel. 055-281038

Biglietteria tel. 055-2658435 – Prenotazioni visite tel. 055-2001586

Proverbio Toscano del Giorno

"La buona carne fa di molta schiuma"

Angelo..a Le Murate

Foto di Roberto Di Ferdinando

giovedì 15 marzo 2018

16 marzo - "Il lungo e affascinante viaggio della ricerca sulle cellule staminali"

Venerdì 16 marzo si svolge l'edizione 2018 di UNISTEM Day, una giornata della scienza dedicata alla ricerca nell’ambito delle cellule staminali (Polo delle Scienze Sociali, via delle Pandette 9, edificio D6, sala convegni). Organizzazione: Università di Firenze, Centro di Ricerca sulle Cellule Staminali dell'Università di Milano (UniStem).
Programma: https://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2018/unistemday160318.pdf
Leggi di più: https://www.unifi.it/art-3233-giornata-della-scienza-2018-al-polo-delle-scienze-sociali.html

"Chiesa di Dante"

Foto di Roberto Di Ferdinando


15 marzo - Presentazione del libro "The Nine Domes of the Universe"

Il volume descrive il progetto di studio e conservazione dell'antica moschea di Noh Gonbad a Balk (Afghanistan). 15 marzo 2018, ore 16, Santa Teresa, via della Mattonaia, 8, Firenze. Organizzazione: Dipartimento di Architettura dell'Università di Firenze, Aga Khan trust for Culture, Délégation Archéologique Française en Afghanistan, Associazione Giovanni Secco Suardo.

Programma dell'incontro: https://www.dida.unifi.it/upload/sub/immagini/eventi/LOCANDINA%20the%20nine%20domes_web.pdf
Leggi di più: http://www.unifimagazine.it/le-nove-cupole-delluniverso/

15 marzo - Presentazione libro con Autore: SCRITTORI IN JAZZ

GIOVEDI' 15 MARZO


    h 19:00 Presentazione libro con Autore

SCRITTORI IN JAZZ

Alessandra Cafiero presenta per il ciclo Letteratura e Jazz:

RITRATTI JAZZ 

Di Pino Ninfa
Sarà presente l'autore. Una selezione fotografica sarà proiettata durante l'incontro

In questo sorta di diario personale di Pino Ninfa, fotografo Jazz e viaggiatore instancabile e curioso, rivivono, incontro dopo incontro, le emozioni che hanno creato in noi la leggenda del Jazz e che da sempre seducono scrittori e fotografi desiderosi di ricreare, ognuno con i propri mezzi, l'incanto e la magia della musica e dei volti indimenticabili che la suonano. Da Sonny Rollins a Michel Petrucciani, da Caetano Veloso a Giorgio Gaslini, da Enrico Pieranunzi a Paolo Fresu, i racconti intimi e appassionati del fotografo ci aiutano a comprendere l'energia che può sprigionarsi nell'incontro tra musica Jazz e fotografia.
La prefazione del libro è di Enrico Pieranunzi. Durante la presentazione verranno proiettate le fotografie contenute nel volume.

L'Associazione Music Pool, attiva in Toscana da oltre 35 anni con festival e concerti jazz e di musica popolare, in collaborazione con Le Murate, Caffè Letterario di Firenze, presenta un nuovo appuntamento con “Scrittori in Jazz”, la rassegna che unisce letteratura e musica, proponendo romanzi, saggi e altre pubblicazioni originali che parlano di storie di jazz e di musicisti.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni grano ha la sua semola"

mercoledì 14 marzo 2018

14 Marzo - Le Murate - Associazione Angolana Njinga Mbande presenta: LA VITA DEI NON NATI -Carmignani Editrice

MERCOLEDI' 14 MARZO

    L'Associazione Angolana Njinga Mbande presenta:
h 17:30 Presentazione libro con Autore

LA VITA DEI NON NATI -Carmignani Editrice

Di  e con Emanuela Geraci. Modera Matias Mesquita, Ass. Angolana Njinga Mbande

La protagonista, Bruna, in seguito ad un orgasmo acquisisce la capacità di trasferirsi nelle menti e nei corpi di persone lontanissime da lei geograficamente e storicamente. Presto scopre che questi viaggi hanno qualcosa in comune: mostrano punti di vista differenti sulla maternità e insegnano a Bruna i suoi più profondi significati.
Sin da bambina, a causa di una malformazione all’utero, Bruna ha subito molte operazioni e teme di non poter avere figli. Al disorientamento causato dai viaggi si somma la paura di essere pazza. Un amico di Bruna, Victor, anche lui “psichiatrico patentato”, la porta ad esplorare altri mondi, dove Bruna incontrerà le sue antenate levatrici, detentrici di un antico potere legato alla nascita. Le consegneranno uno scrigno magico e una difficile eredità: ridare vita alla “sorellanza del sacro conforto nei dolori del parto”. Sarà testimone degli abusi perpetrati sui corpi delle donne, dell’ossessione per l’eliminazione di ogni forma di sofferenza, come anche dell’intima potenza trasformativa del parto.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

La Raccolta - GIOVEBIO

GIOVEBIO

Lo staff del BIObar BIOmarket Bioristorante La Raccolta
è lieto di invitarVi alla cena più sana e gustosa di tutta Firenze!

🕐 Tutti i GIOVEDÌ dalle 19:30 alle 22:00

👉 PREZZO SPECIALE: solo il giovedì a soli  20€.

🍴 MENU: antipasti, primi, legumi, verdure e cruditè. Solo prodotti freschi di giornata

Posti limitati, gradita la prenotazione.
INFORMAZIONI

- Indirizzo: Via G. Leopardi, 2/R - Firenze
- Tel: 055 2479068

Il Cestello

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"Il fiorentino mangia sì poco e sì pultio che sempre si conserva l'appetito"

martedì 13 marzo 2018

Modi di dire: "A tutto spiano"

Il vecchio modo di dire fiorentino “a tutto spiano”, in sintesi, sta a significare “al massimo”, o la quantità “più grande”.
Viene usato, infatti, quando si mangia tanto da scoppiare o a “crepapelle”, cioè a tutto spiano, si corre di gran carriera senza risparmio d’energia, a tutto spiano, si lavora alacremente a tutto spiano
[…]. Il detto deriva dal lavoro dei fornai poiché lo “spiano” era appunto il contenitore utilizzato come sistema di misura per la quantità del grano che ogni mese gli Ufficiali della Grascia o dell’Abbondanza, assegnavano ai fornai per la pianificazione: se non c’erano carestie o particolari scarsità del prodotto, la quantità erogata con profusione era appunto quella a “tutto spiano”, cioè con lo spiano colmo fino all’orlo, mentre in caso contrario veniva ridotta a mezzo spiano o anche di meno. Se poi gli eventi precipitavano, il grano era sostituito con altri cereali meno nobili che determinarono un altro modo di dire: “in tempo di carestia è buono il pan di veccie”. […]”
(tratto da: “Pane, farina e fiorentini: una relazione a tutto spiano”, di Luciano e Ricciardo Artusi, in Reporter di maggio 2017)

13 marzo - Presentazione del volume "L'acqua nemica. Fiumi, inondazioni e città storiche dall'antichità al contemporaneo"

A cura di Concetta Bianca e Francesco Salvestrini. Presentano il volume Margherita Azzari e Giuliano Pinto (Università di Firenze). Il 13 marzo 2018, ore 16, presso la Biblioteca Umanistica, Sala Comparetti, Piazza Brunelleschi, 4 Firenze. Organizzazione: CEDAF - Centro di Documentazione sulle alluvioni di Firenze, DILEF - Dipartimento di Lettere e Filosofia, SAGAS - Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo.
https://www.letterefilosofia.unifi.it/upload/sub/locandine-iniziative/iniziative%202018/Acqua.pdf

13 marzo - Cineforum: DISEGNARE SOGNI, IL CINEMA DI SILVANO CAMPEGGI -Felici Editore

MARTEDI' 13 MARZO


    h 21:00 Cineforum

Nell'ambito di CINETECA EUROPA. Mappa delle arti europee, lo sportello Europe Direct del Comune di Firenze e l'Associazione culturale La Nottola di Minerva presentano:

DISEGNARE SOGNI, IL CINEMA DI SILVANO CAMPEGGI -Felici Editore

Intervengono Giorgio Bacci, curatore del catalogo, e Giovanni Bogani, critico cinematografico
Special guest Silvano Campeggi

A seguire proiezione del film

MONUMENTS MEN

Di George Clooney. Con George Clooney, Matt Damon, Bill Murray, John Goodman, Jean Dujardin, Bob Balaban, Hugh Bonneville e Cate Blanchett. USA – 2014 – 118'

Inaugura la terza edizione della Cineteca un appuntamento dedicato all'opera del grande Silvano Campeggi. Autore di numerosissime locandine per il grande cinema, tra i suoi lavori più famosi l'emblematica immagine di Via col vento. A seguire la proiezione di un film che narra il periodo storico in cui il grande illustratore toscano entro in contatto con Hollywood.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Proverbio Toscano del Giorno

"E' meglio vin torbo che acqua chiara"

Le Murate

Foto di Roberto Di Ferdinando

lunedì 12 marzo 2018

17 marzo - cena e conferenza "Tu chiamale se vuoi..estinzioni"

sabato 17-03-2018 ore 20:00 ​ 

presso il Circolo Arci Con i Lavoratori, via delle Porte Nuove 33, Firenze

"Tu chiamale se vuoi..estinzioni"

​Ancora una serata di buon cibo e ottimi ospiti organizzata da Restiamo Animali. Stavolta l'incontro sarà dedicato ai nostri meravigliosi cugini primati.  

Come ospiti e relatrici, avremo due primatologhe toscane di altissimo livello accademico: Cecilia Veracini ed Elena Baistrocchi. 

Di primati non umani si parla poco, eppure nel regno animale sono i nostri parenti più prossimi e rischiano l'estinzione a causa del modello di sviluppo dei "primati umani".

Ecco il Menù della serata curato dal vegan chef Gabriele Palloni e dal Vegan Team:

Monkey Ball
(Polpettine di lenticchie e funghi nello spiedo)
The Naked Ape
(Polenta Bianca con Vegetable Korma)
Shock the Monkey
(Chili vegetale in salsa di arachidi e fagioli neri)
Monkey Business 
(Crema di banane al rhum e cioccolato con cialda croccante)

PREZZO Cena + relazione su primati non umani + benefit = 22 Euro (non spacchettabili) 

una parte dei proventi andrà in benefit al Centro Recupero Primati Darwin di Barcellona, che recupera uistitì e tamarini, piccole scimmie sudamericane vittime di sfruttamento. 

Sono rimasti circa 10 posti. Chi desiderasse prenotare deve mandare una mail a restiamoanimali@gmail.com

Evento FB https://www.facebook.com/events/169517243841679/?active_tab=discussion 

13 marzo - Conferenza: IL LINGUAGGIO DEI SOGNI”

MARTEDÌ 13 MARZO ALLE ORE 21,
presso la sede dell’Associazione Archeosofica, Lungarno Guicciardini 11/R, conferenza dedicata a “IL LINGUAGGIO DEI SOGNI”,  primo appuntamento di
un ciclo di incontri dal titolo “PSICOLOGIA PROIBITA”, a cura del Dottor Massimiliano Galastri, psicologo e ricercatore. Ingresso libero.

Per leggere un breve articolo di presentazione vedi il nostro sito alla
pagina http://tracking.boxletter.net/tracking/click?d=hVGaLnpggbJ-hIamMlKHQce2JdhSGHkww5aqhr0Xmmy2WMnWqzVMi605bzo6rlJ_Oozm6Jm-EhqgQFWHa7TRrIy-eWLgxd9xQiBngAYruCvb9-O976iSerK2cIeH2CP68Aee6XvaL5I8uMZDzvPub_gV2YbVrBJg78EbxWKXnlQg0

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/rosso
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net

Le Murate

Foto di Roberto Di Ferdinandj

12 marzo - I' CINEMINO - Cineforum

LUNEDI' 12 MARZO

    I' CINEMINO
A cura del Circolo PD 2 Santa Croce - Ciompi – Ciclo Irrealtà Probabili

h 21:15 Cineforum

SOLARIS

Un film di di Andrei Tarkovsky. Con Natalya Bondarchuk, Donatas Banionis, Yuri Charvet, Jüri Järvet, Vladislav Dvorzhetskiy, Nikolaj Grinko – Fantascienza – URSS – 1971 – 165’
Follia e visioni nello spazio. Qualcosa da tempo non va sulla stazione scientifica orbitante attorno al pianeta Solaris: dei tre scienziati che vi lavorano, uno si è suicidato e gli altri due danno segni di squilibrio mentale. A indagare su quanto sta accadendo, viene inviato il dottor Kris Kalvin, uno psicologo di noto valore. Lo studioso scopre che Solaris è un pianeta magmatico e vivente che è in grado di materializzare i sogni e i ricordi degli uomini. Questa proiezione delle coscienze è all'origine del dramma degli astronauti ed anche lo psicologo cade vittima del meccanismo che comprometterà la sua misisone.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

16 e 18 marzo - Giorgio Vasari racconta: il salone dei Cinquecento sotto una nuova luce

Dopo il grande successo durante F-Light, Giorgio Vasari torna a raccontare la storia e la vita della sala maggiore del Palazzo Ducale.

È proprio a Giorgio Vasari e alla sua nutrita schiera di collaboratori – artisti, artigiani, manovali – che si deve l’assetto attuale della Sala Grande, più nota come salone dei Cinquecento, ancora oggi teatro degli eventi istituzionali più importanti della città. Una sala di enormi dimensioni, rinnovata per volere di Cosimo I de’ Medici con l’intento di dispiegare gli episodi più importanti della storia di Firenze e celebrare il potere mediceo sul Ducato di Toscana. E sarà proprio Giorgio Vasari a raccontare, intrecciando le proprie parole con una sapiente regia illuminotecnica capace di illuminare singoli dipinti e sculture e di offrire così una nuova luce all’incredibile repertorio artistico che decora l’ambiente. Grazie a SILFI, Targetti e Confindustria.

    Per chi: per giovani e adulti
    Durata: 1h
    Quando: venerdì 16 e domenica 18 marzo h19.00
    Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento
    Costi: ingresso gratuito <18 anni, soci ICOM, ICOMOS e ICCROM, disabili e accompagnatori, guide turistiche e interpreti – 8€ 18/25 anni e studenti universitari – 10€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana (è previsto il solo accesso al Salone dei Cinquecento) – biglietto 2×1 soci Unicoop

La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni:
Tel. 055-2768224, 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it

Proverbio Toscano del Giorno

"Dio ti guardi da chi legge un libro solo"

Curiosita' di Firenze a Taste 2018

Foto di Roberto Di Ferdinando