giovedì 28 febbraio 2013

L'inno della Fiorentina dei Pontello



Negli anni Ottanta la famiglia Pontello, proprietaria dell'A.C. Fiorentina, decise di introdurre dei sostanziali cambiamenti per la squadra cittadina. Al di là di investire soldi per l'acquisto di campioni, che fecero sfiorare ai viola la conquista del terzo scudetto nel 1981/82, i Pontello scelsero anche di cambiare il colore delle maglie, divenendo di un viola lucido e più scuro, il giglio fu stilizzato ed infine fu scelto un nuovo inno, scelte non sempre condivise (e condivisibili) dal popolo viola. Ecco l’inno “Alè Fiorentina” che allo stadio accompagnava i giocatori al momento di entrare sul campo di gioco. Finita l’era dei Pontello i segni di quella gestione furono “smantellati” e così ci fu il ritorno al vecchio giglio ed al vecchio inno.
RDF
A Firenze nel '26
fiocco viola perchè nasce lei
Fiorentina che passione,che ciclone viola,chi ti ama vincerà!
ALE' FIORENTINA COL TUO SCATTO BRUCIANTE
FAI VEDERE ALLA GENTE CHI SEI,VINCERE E'
IMPORTANTE
E VAI FIORENTINA,MALEDETTA TOSCANA
TIRA FUORI LA GRINTA CHE HAI CHE LA RETE NON E' LONTANA!
Le ragazze del '26
s'innamorano se gioca lei
Fiorentina che passione,che ciclone viola,chi ti ama vincerà.
OVVIA FIORENTINA,LA VITTORIA TI CHIAMA
ED E' UN BISCHERO CHI NON TI AMA PERCHE'
QUALE SQUADRA E' MIGLIORE DI TE
E VAI FIORENTINA,DACCI DENTRO CHE NON SEI SOLA
SOTTO I NOSTRI GIUBBOTTI LO SAI BATTE UN CUORE VIOLA!
ALE' FIORENTINA COL TUO SCATTO BRUCIANTE
SE TU VINCI LO SAI CHE SI FA?
SI FESTEGGIA CON CANTI E CHAMPAGNE!
E VAI FIORENTINA, MALEDETTA TOSCANA
TIRA FUORI LA GRINTA CHE HAI CHE LA RETE NON E' LONTANA!

Nessun commento:

Posta un commento