mercoledì 30 novembre 2016

Modi di dire: “Bighellona” e “babeo”

Si usa per indicare una persona fannullona, che gira e gira (vagabonda) ma poi, alla fine non compie niente e non porta niente a conclusione, un perditempo. La sua etimologia non è molto chiara. Chi la fa derivare dall’antica voce “bigollone” (accrescitivo di bigollo o pigollo) che significa “trottola”, proprio ad indicare questo vagare senza fine, senza concretizzare un qualcosa. Altri, invece, ne indicano l’origine da “bico” o “bigo” cioè “baco” o “babbeo”, cioè “sciocco”. Anche “babbeo” è un altro modo di dire molto comune in Toscana. Deriva dal volgare latino “babbejus” cioè “babbius”, appunto, sciocco, da cui anche “babbaleo”: sempliciotto, colui che parla senza saper quel che dice.
Roberto Di Ferdinando

San Lorenzo

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"Le ricchezze in mano d'un giovane, sono come rasoio in mano di un bambino"

martedì 29 novembre 2016

Modi di dire: “Tirare la corda”

E’ un’espressione ancora abbastanza comune. La si usa principalmente in casa, od all’interno di un ufficio o di uno spazio chiuso o recintato per indicare l’aprire la porta d’ingresso di un palazzo o il cancello. Tale modo di dire nasce proprio da questo gesto. Infatti, in passato, almeno fino al primo Novecento, l’apertura del portone di uno stabile avveniva dagli appartamenti tirando una corda che, correndo lungo una serie di canaline, arrivava al portone facendone scattare la serratura e così aprendolo. Lo stesso avveniva per i campanelli posti all’ingresso sulla via: la persona tirava un pomello alla cui estremità interna era legata una corda che, correndo per lo stabile, faceva risuonare un campanello all’interno dell’appartamento.
Il termine “corda”, deriva dal latino “chorda” a sua volta dal greco “chorde”, cioè intestino, budello (in origine le corde erano fatte anche di budello di animali).
Roberto Di Ferdinando

Piazza dei Ciompi

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"La vecchiezza è un male desiderato da tutti: la gioventù un bene non conosciuto da nessuno"

domenica 27 novembre 2016

venerdì 25 novembre 2016

domenica 20 novembre 2016

venerdì 18 novembre 2016

giovedì 17 novembre 2016

Cosimo de'Medici mecenate a Venezia

“[…] Quando Cosimo de’Medici, l’iniziatore del Rinascimento, venne esiliato da Firenze nel 1433, trovò asilo a Venezia nel monastero benedettino sull’Isola di San Giorgio Maggiore, oasi di sapienza le cui origini datavano al nono secolo. Lì, il potente banchiere progettò il suo ritorno in patria circondato da pensatori illuminati, artisti e uomini di Dio. Quando l’anno seguente poté finalmente rientrare a Firenze, Cosimo, mecenate e uomo più ricco del suo tempo, in segno di riconoscenza donò ai monaci una biblioteca disegnata dall’architetto Michelozzo, che lo aveva accompagnato durante il suo esilio […]”
(Cat Bauer, da “Luxos, Italy Ss2016)

Palazzo Strozzi

Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"Parole da sera, il vento se le mena"

mercoledì 9 novembre 2016

giovedì 3 novembre 2016

Basilica di Santa Croce

Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"Chi gioca al Lotto, in rovina va di botto"

Il sole a Firenze

"Piove troppo spesso a Firenze, ma quando c'è il sole, è quasi un paradiso. Non si può immaginare niente di meglio dell'impressione lasciata da questo cielo, quest'aria, questa luce"
(Fedor Dostoevskij)

martedì 1 novembre 2016