domenica 23 maggio 2021

Le origini del consolato degli Stati Uniti d'America a Firenze

 

Foto tratta da Wikipedia.it

“[…] creazione dell’agenzia consolare degli Stati Uniti a Firenze nell’allora capitale del Granducato di Toscana. Tale atto, risalente al 2 aprile 1819, segnò la genesi di quello che è oggi il consolato generale degli Stati Uniti nel capoluogo toscano.
Gli anni che videro «la crescente influenza continentale e transatlantica degli Stati Uniti» nei primi decenni dell’ottocento conobbero un significativo sviluppo della rete consolare di questo Paese negli Stati preunitari italiani. Da tale punto di vista, però, la sua estensione a Firenze avvenne con un certo ritardo rispetto ad altre realtà italiane. Consolati statunitensi erano già sorti alla fine del secolo precedente a Napoli (al quale fu preposto Giovanni Sabino Michele Mathieu, allo
scopo soprattutto di curare gli interessi commerciali dei mercanti americani) nel 1796 a Roma (di cui incaricato Giovanni Batista Sartori) nel 1797 e a Genova (del quale fu investito il mercante inglese Frederick Hyde Wollaston) nel 1798.
L’importanza delle relazioni commerciali che ne avevano stimolato l’apertura aveva fatto in modo che perfino Livorno, in quanto città portuale di grande rilievo per gli scambi tra gli Stati Uniti e la penisola italiana, avesse precorso Firenze. Nel centro labronico, infatti, il consolato americano fu instaurato già nel 1794, affidato al conte livornese Filippo Filicchi, membro di una facoltosa famiglia di commercianti, e rappresentò addirittura la prima sede statunitense in tutta l’Italia.
Nel 1819, per la funzione di agente consolare nella capitale del Granducato fu scelto Giacomo, alias James, Ombrosi, un cittadino toscano con un modesto lavoro di impiegato, che - in un momento in cui il governo granducale non consentiva ancora l’espletamento di attività consolari nella capitale - venne cooptato dal Dipartimento di Stato americano con lo scopo precipuo di fare da guida ai viaggiatori statunitensi di passaggio a Firenze oppure che intendevano risiedere
in città per qualche tempo. Ombrosi divenne così una vero e proprio «mediatore
culturale [...] fra la comunità americana [•••] e il milieu artistico» fiorentino. […].
In ogni caso, nel marzo del 1823, Ombrosi venne promosso console, non senza suscitare tensioni con il governo granducale. A detta di quest’ultimo, infatti, Ombrosi non aveva le qualifiche richieste per svolgere la sua funzione. Infatti, poiché Firenze era la capitale dello Stato, il rango dei rappresentanti stranieri in città non avrebbe dovuto essere inferiore a quella di chargé d’affaires.
La controversia investì anche il successore di Ombrosi, Edward Gamage, quest’ultimo
un cittadino statunitense originario del South Carolina, nominato dal presidente John Tyler nel 1842, al punto che il nuovo console si rifiutò di trasferirsi a Firenze, lasciando che il suo predecessore ne svolgesse le funzioni in qualità di reggente fino al 1849, quando il consolato fu di fatto accorpato a quello di Livorno". In quell’anno, infatti, Gamage sostituì il conte Giuseppe Agamennone, alias Joseph A. Binda, un lucchese naturalizzato cittadino statunitense nel 1841
alla guida del consolato labronico, pur mantenendo formalmente anche
titolarità di quello fiorentino. Con la nomina di Francis Lance nel 1852, sostituito poi da 'William L. Marcy nel 1854, la presenza consolare statunitense nella capitale toscana fu ridimensionata all’esistenza di semplici agenti commerciali.  Soltanto alla vigilia della proclamazione dell’unità d’Italia, dopo l’annessione del Granducato di Toscana al Regno di Sardegna nel 1860, la sede
statunitense a Firenze fu elevata a consolato generale. L’incarico venne attribuito a Edward J. Mallett, che da due anni era già attivo a Firenze nella veste di agente commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, pure la sua precedente nomina nel 1858 era stata un ulteriore motivo di tensioni con il governo toscano.
Mallett, infatti, non era inizialmente risultato gradito al Granduca Leopoldi I
perché gli erano state attribuite «simpatie liberali».
 Comunque, nonostante i successivi attriti con il governo granducale, la creazione dell’agenzia consolare nel 1819 segnò l’istituzionalizzazione della presenza americana a Firenze e, quindi, evidenziò un rafforzamento formale dei molteplici rapporti e delle composite interazioni tra il capoluogo toscano e gli Stati Uniti. […]”
(Tratto da: Introduzione del curatore, di Stefano Luconi, in “Quaderni del Circolo Rosselli”, NUOVA SERIE 1/2020)

sabato 15 maggio 2021

Panchina nel piazzale Galileo

(foto di Roberto Di Ferdinando)


 

 

Pietre d'inciampo: Viale Amendola

 

(foto di Roberto Di Ferdinando)



 

domenica 2 maggio 2021

La Biblioteca magliabechiana

foto tratta da wikipedia.it

 “[…] Anche a Firenze, nel granducato di Toscana, dove le biblioteche di certo non erano mai mancate, tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento si cominciava a sentire, soprattutto da parte della gente meno abbiente, l’esigenza di una biblioteca pubblica cui poter accedere senza essere conosciuti o famosi o chiedere particolari autorizzazioni.
Questa esigenza veniva soddisfatta agli inizi del 1747, quando veniva aperta al pubblico la
biblioteca Magliabechiana, nucleo primigenio della futura Biblioteca Nazionale Centrale, una delle due che l’Italia possiede. La Biblioteca magliabechiana era il risultato di una vita spesa sia finanziariamente che intellettualmente, per i libri, cercati e acquistati non per il piacere di possederli, ma per un insaziabile bisogno di conoscere. Accanto a libri e codici rari e preziosi, da grande bibliofilo, si incontrava tra i volumi di Antonio Magliagliabechi “una enorme quantità di materiali che soltanto l’erudito più consumato e il Ricercatore più minuzioso di notizie storiche e letterarie potrebbero apprezzare”.
Nel testamento, dettato trentanove giorni prima della morte, avvenuta a Firenze il 4 luglio 1714, Magliabechi nominava eredi universali dei suoi beni i ‘poveri di Gesù Cristo’ di
Firenze; esprimeva il desiderio che la sua biblioteca formasse una pubblica libreria a
beneficio universale della città e specialmente dei poveri, dei chierici, dei sacerdoti e dei
scolari che non avessero modo di comprare libri e di poter studiare. Disponeva inoltre
che suoi esecutori testamentari fossero anche i bibliotecari, i quali avrebbero ricevuto un
compenso di 50 scudi annui; che questi provvedessero a far costruire una sede e a inventariare tutto il materiale, che doveva essere assolutamente vietato alla consultazione fino
a quando non fosse ben disposto e ordinato nella sede definitiva; che la biblioteca dovesse
essere aperta al pubblico due giorni alla settimana, per tre ore al mattino e tre al pomeriggio.
Il grande erudito disponeva infine che per il mantenimento dei libri e l'accrescimento della biblioteca si spendessero annualmente 50 scudi.
Prima che i libri di quest'uomo - il quale per amore del sapere aveva scelto proprio loro come gli unici compagni di una vita volutamente solitaria, misera e squallida - fossero
messi a disposizione di tutti trascorrevano trent’anni e doveva intervenire il governo
granducale, passato nel frattempo dai Medici ai Lorena, a sostenere finanziariamente l’iniziiativa. […]”
(Tratto da: LA CITTA' E LA PAROLA SCRITTA, a cura di Giovanni Pugliese Carratelli, 1997 UTET, pag, 361)

Il fondo di libri magliabechiano è oggi conservato presso la Biblioteca Nazionale di Firenze.
RDF

Via S. Antonino

Foto di Roberto Di Ferdinando