martedì 10 luglio 2018

Le stranezze del Pontromo e del Rosso Fiorentino

“[…] Nella vita privata, sia il Pontormo che il Rosso Fiorentino furono dei <<nevrotici>> per usare il gergo psichiatrico di oggi. Pontormo era un recluso nella tradizione di Paolo Uccello e di Piero di Cosimo: un ipocondriaco solitario che viveva in una strana casa alta che si era fatto costruire apposta […] con una stanza, all’ultimo piano, dove dormiva e ogni tanto lavorava, raggiungibile dalla strada per una scala a pioli che egli si tirava dietro con una carrucola in maniera che una volta salvo dentro casa nessuno lo potesse raggiungere. […] Il diario del Pontormo, tenuto negli ultimi tre anni della sua vita, segue con minuta attenzione lo stomaco, i reni e gli intestini e registra meticolosamente i suoi pasti di misantropo astemio. <<Cenato con dieci once di pane, cavolo e rape>>. <<Un grappolo d’uva per cena; nient’altro>>. <<Una frittata, sei once di pane e qualche fico secco>>.
Lo scrittore Bocchi raccontava che il Pontormo era enormemente malinconico e teneva in bacili d’acqua dei cadaveri allo scopo di studiarli per il Diluvio Universale che stava dipingendo in San Lorenzo; il puzzo ammorbò l’intero vicinato. Dice invece il Vasari che aveva una paura morbosa della morte e non sopportava di sentirla menzionare o di vedere per strada il trasporto di un cadavere. Durante la peste si rifugiò dai frati della Certosa del Galluzzo. Il Rosso (chiamato così per la carnagione accesa) era solito scavar cadaveri nel cimitero di Arezzo per studiare gli effetti della decomposizione. A Firenze, in via dei Tintori, viveva con un babbuino che aveva addestrato a piccoli servizi. Secondò il Vasari si suicidò a Fonainebleau, ma moderni studiosi lo negano. […].”
(Mary McCharty, le Pietre di Firenze, 1956)

Nessun commento:

Posta un commento