domenica 23 dicembre 2012

Quei numeri rossi che ingannano

(Testo di Roberto Di Ferdinando)

La numerazione civica di Firenze ha una particolarità curiosa, cioè la presenza di numeri civici anche di colore rosso. Una particolarità, però, che può confondere i non fiorentini nella ricerca di un indirizzo. La numerazione civica a Firenze fu introdotta nel Settecento e regolamentata con Firenze Capitale (si veda anche il seguente19.24 23/12/2012 post: http://curiositadifirenze.blogspot.it/2011/01/la-numerazione-civica-nella-firenze.html), ma agli inizi del Novecento l’amministrazione comunale decise di distinguere gli ingressi delle abitazioni civili da quelli delle attività commerciali attribuendo a queste ultime un numero civico di colore rosso ed accompagnandolo dalla lettera “r” (l’iniziale del colore). Quindi in una strada fiorentina possiamo notare una numerazione progressiva per i portoni dei condomini ed una per gli ingressi delle attività o uffici. Questa particolarità può indurre a confondersi chi non sia fiorentino, poiché nella stessa via possono esistere due stessi numeri civici, ma di colori diversi. Non solo, in vie molto lunghe un numero civico rosso anche basso, ad esempio l’8, lo possiamo trovare dopo molte centinaia di metri che abbiamo imboccato quella via, forse anche dopo il numero civico (nero) 100... Quindi, a Firenze chi deve comunicare un proprio indirizzo si ricordi di specificare se è un numero rosso oppure no, e, dall’altra parte (un consiglio che mi permetto di rivolgere a chi non è fiorentino) chi deve recarsi in qualche luogo di Firenze si annoti bene se il numero civico di destinazione riporta oppure no anche la lettera “r”, altrimenti il rischio di ritardare all’appuntamento o di perdersi sarà alto.
RDF

2 commenti:

  1. Mi spiace deluderti, ma non è un'esclusiva fiorentina, anche a Genova e Savona i negozi hanno il numero civico rosso.

    RispondiElimina
  2. E certo! Usanza introdotta prima della seconda guerra mondiale.
    Qui per primo fu il duca Leopoldo per l'immane casino che c'era nella Firenze medievale tra strade vicole e viuzze.

    RispondiElimina