martedì 8 marzo 2011

Il quartiere de Il Maglio

Articolo Pubblicato sulla rivista Firenze Informa del 2005
Testo e foto di Roberto Di Ferdinando

Il quartiere che si estende tra Piazza d’Azeglio e Piazza della Libertà storicamente prende il nome di quartiere del Maglio. Questa denominazione deriva da un antico gioco, praticato a Firenze fin dal Quattrocento, simile al moderno tamburello, ma che richiedeva l’impiego di una grossa mazza di legno, appunto il maglio. Lo spazio adibito a tale gioco era una piccola strada di campagna che divideva il convento di San Domenico in Cafaggio (che ospita il Chiostro del Maglio),  tutt’oggi presente tra Via Venezia e Via Cherubini, dal convento di San Marco, luoghi che in quel periodo si trovavano fuori dalle mura. Nei secoli successivi fu realizzata un’ampia strada che, costeggiando questi conventi, portava fuori Firenze e che prese il nome di Via del Maglio.
La zona subì un sostanziale cambiamento urbanistico verso la metà dell’Ottocento. In seguito al progetto dell’ingegner Del Sarto (1862-64), il quartiere si trasformò difatti in area residenziale, in cui sorsero numerosi palazzi che ospitarono il personale amministrativo del regno durante Firenze capitale. Invece il piano di allargamento della città, voluto da Giuseppe Poggi, portò ad abbatere le mura che limitavano ad est il quartiere, creando così i viali di circonvallazione. Nell’occasione fu abbattuta, in prossimità di Piazza San Gallo (oggi piazza della Libertà) anche la Torre del Maglio, una grande struttuta dalla curiosa forma di una piramide, che ospitava una potente pompa idraulica utilizzata per distribuire nel quartiere l’acqua proveniente da Pratolino.
Nel 1878 Via del Maglio prese il nome di Via Alfonso La Marmora, che tutt’ora mantiene, in onore del generale ed ex Presidente del Consiglio del Regno, che a lungo aveva vissuto nella vicina Via Venezia e che in quell’anno moriva. Mentre nel 1882 il già citato convento di San Domenico in Cafaggio, sconsacrato, divenne la sede, mantenuta fino al 1998, della prestigiosa Scuola di Applicazione di Sanità Militare, la prima scuola italiana di formazione per i medici militari.
RDF
Il chiostro de Il Maglio

2 commenti: