martedì 29 marzo 2016

Modi di dire: “pischello”

E’ espressione in uso nel Centro Italia. Indica l’estrema giovinezza, se non anche ingenuità ed inesperienza, di un ragazzo, di un adolescente. L’origine è da ‘pivello’, già in uso nel gergo Seicentesco per indicare un ragazzo lesto, da “pivo”, appunto, ragazzo, ma anche ‘piva’, nei dialetti settentrionali usato per gli organi genitali. Inizialmente con pivello si voleva indicare un ragazzo ricercato nel vestire, diffusosi poi, attraverso il gergo militare e degli uffici, per indicare chi è alle prime armi in un’attività (nell’Accademia di Livorno, ad esempio, sono così chiamate le reclute del primo anno). Si utilizza anche come pivellino o pischellino (senza esperienza).
Roberto Di Ferdinando

Nessun commento:

Posta un commento