mercoledì 9 settembre 2020

La peste del 1630


“[…] L’abbigliamento dei medici durante la pestilenza: il "becco" era riempito di erbe aromatiche per purificare l'aria infetta, il bastone per visitare l'infermo senza toccarlo. […] Il cuoio veniva creduto invece uno scudo ai “semi” della nera. I medici si coprivano interamente il corpo con mantello e cappello di pelle […]”. (Pino Miglino, in Storia & storie di Toscana MARZO-APRILE 2020).

Nessun commento:

Posta un commento