venerdì 21 settembre 2018

La soprassata

”E’ un insaccato confezionato con tela, dalla forma cilindrica allungata e varia pezzatura.
Viene prodotto utilizzando parti della testa, cotenna e lingua di maiale fatte bollire in acqua per circa 4 ore. Dopo aver disossato e triturato grossolanamente la carne, si aggiungono sale, spezie di vario tipo, pepe, aglio, scorza di limone ed eventaulemte prezzemolo. L’impasto così ottenuto è inserito in una sorta di sacco di tela (naturale – soprattutto cotone – o sintetica) che ne permette l’asciugatura e la sgrondatura dei grassi.
Il tutto viene poi lasciato a raffreddare per alcune ora al fine di ottenere la completa coagulazione del collagene presente. La soprassata è un alimento tipico del periodo autunnale e invernale che deve essere consumato fresco, si consiglia entro 30 giorni dalla produzione”
(Tratto da: Guida ai prodotti agroalimentari del Casentino, a cura dell’EcoMuseo del Casentino)

Nessun commento:

Posta un commento