martedì 15 novembre 2016

UN’OPERA D’ARTE PER FIRENZE: IL “MIRACOLO DELL’INDEMONIATA GUARITA DA SANTO VESCOVO” RESTITUITA ALLA CITTA'

Un premio in denaro per restaurare un’opera d’arte fiorentina, danneggiata dall’alluvione. Angela Tascioni, dello studio “Ardiglione Snc” si aggiudica il III “Premio Friends of Florence”, assegnato dall’omonima Fondazione, per finanziare un intervento di restauro su un bene culturale presente in città. Il riconoscimento, dell’importo di 20mila euro, è stato assegnato oggi, in occasione della giornata conclusiva della V edizione del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze. Il progetto vincitore prevede il restauro e la diagnostica non invasiva del dipinto “Il miracolo dell’indemoniata guarita da Santo Vescovo”, proveniente dalla chiesa di San Jacopo Soprano di Firenze e attualmente sistemato nei depositi della chiesa di Santa Felicita. Si tratta di un’opera poco conosciuta, poiché dopo l’alluvione che la danneggiò pesantemente, venne spostata nel deposito dove è rimasta fino ad oggi. Adesso, dopo cinquant’anni, tornerà all’antico splendore grazie all’iniziativa della Fondazione Friends of Florence.

il progetto che si è aggiudicato il premio è stato selezionato tra un totale di 24 presenti in concorso. Di questi, 5 sono arrivati in finale per aggiudicarsi il primo premio.

“I progetti che hanno partecipato al concorso erano tutti relativi ad opere presenti nella nostra città, che attendono un intervento di restauro, dopo eventi come alluvioni, incendi, ecc che le hanno danneggiate - ha dichiarato Cristina Acidini, Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze. - Mi auguro che un giorno, anche quelle non selezionate, possano tornare a nuova vita”.

I giorni del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze hanno rappresentato, anche in questa V edizione, un momento di coesione e di partecipazione sui temi della salvaguardia, della conservazione e della valorizzazione dei Beni Culturali. La giornata conclusiva ha visto protagonisti L’Opificio delle Pietre Dure, La Regione Toscana, il Ministero della Pubblica Istruzione e il Ministero dei beni e delle attività culturali, con mostre e convegni a tema.   

Nessun commento:

Posta un commento