venerdì 25 marzo 2016

29 marzo - Viper Theatre: Il metal che viene dal freddo. Parte da Firenze il nuovo tour italiano dei finlandesi Amorphis

AMORPHIS
Opening act: Poem (ore 19); Textures (ore 19:50)
Martedì 29 marzo 2016 - ore 21
Viper Theatre – via Pistoiese / via Lombardia – Firenze
Biglietto posto unico: 25 euro (20 euro in prevendita) - prevendite www.boxofficetoscana.it tel. 055 210804; www.ticketone.it tel. 892 101 - Info tel. 055.0460993 - 055.0195912  www.lndf.itwww.viperclub.euwww.livenation.it

Parte martedì 29 marzo dal Viper Theatre di Firenze (ore 21 – biglietto posto unico 25 euro – 20 euro in prevendita, Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it tel. 055 210804; TicketOne www.ticketone.it tel. 892 101) il nuovo tour italiano dei finlandesi Amorphis, da 25 anni tra i nomi di punta del melancholic metal a livello mondiale.

La band capitanata dal vocalist Tomi Joutsen proseguirà mercoledì 30 marzo all’Orion di Roma e domenica 10 aprile al Fabrique di Milano.

Già apprezzati a Bologna lo scorso novembre al fianco dei Nightwish, gli Amorphis tornano stavolta da headliner, a supporto dell’ultimo album “Under The Red Cloud”: “Un disco - spiega il chitarrista Esa Holopainen -  composto da elementi diversi ma in perfetta armonia, il risultato è… fucking heavy and melodic. La considero una delle nostre migliori uscite”.

Le porte del Viper Theatre si apriranno alle ore 18,30 e a scaldare la platea sarà dalle 19 il prog-metal dei greci Poem – che proprio in questi giorni hanno dato alle stampe il secondo album “Skein Syndrome” – seguito dal death metal in salsa olandese dei Textures.

Il tempo di farsi un giro al merchandise e alle 21 il palco sarà tutto per gli Amorphis. L’incipit è una dichiarazione d’intenti: si parte con “Under the red cloud”, “Sacrifice”, “Bad blood”… Tutti brani tratti dal nuovo album, che innumerevoli siti e riviste hanno inserito nella top 10 metal 2015, a cui seguono “Death of a king”, “Dark path” e altre tracce, mentre dal cassetto dei ricordi spuntano “On rich and poor” (da “Elegy”), “Drowned maid” (dallo strepitoso “Tales from the thousand”). Non mancano cavalli di battaglia come “My kantele” e “House of sleep”… Ehi, ehi, ma non sveliamo tutto.

Il concerto ripercorre la parabola artistica del gruppo, dagli albori dichiaratamente death alle digressioni prog, al metal intriso di folk, melodia e chitarre ruggenti di oggi.

In attività dai primi anni Novanta, gli Amorphis hanno all’attivo 12 album e una storia in continua evoluzione. Nei loro testi fanno spesso capolino temi tratti dal “Kalevala”, poema epico finlandese a cui il gruppo ha dedicato uno degli album più riusciti, “Tales from the Thousand Lakes”. Tra i capolavori impossibile non ricordare poi “Elegy” e “Tuonela”.

Guarda il video Death Of A King
https://www.youtube.com/watch?v=Kc-gEds3eTM

Amorphis online
www.amorphis.net
www.facebook.com/amorphis
https://twitter.com/amorphis
www.youtube.com/user/amorphisofficial
https://instagram.com/amorphisband

Nessun commento:

Posta un commento