lunedì 5 ottobre 2015

5 Ottobre - Le Murate - La Bottega del Cinema/Cineteca di Firenze presenta: OMAGGIO A PIER PAOLO PASOLINI ( 1922-1975) 40° DALLA SCOMPARSA

     LUNEDI' 05 OTTOBRE

La Bottega del Cinema/Cineteca di Firenze presenta:
OMAGGIO A PIER PAOLO PASOLINI ( 1922-1975) 40° DALLA SCOMPARSA

    h 17:00  -  Cineteca

UN MONDO D' AMORE

Di Aurelio Grimaldi. Con Arturo Paglia, Fermando Pannullo, Gaetano Amato - Italia - 2003 - 86'

Nell'inverno del 1949, Pier Paolo Pasolini è un giovane insegnante in una scuola di provincia friulana. Comunista e apertamente omosessuale, Pasolini si attira le antipatie dei concittadini. Accusato di aver circuito alcuni minorenni e di averli indotti ad atti osceni, Pasolini viene condannato senza aver subito alcun processo e viene cacciato da scuola.

    h 18:30  -  Cineteca

LA NOTTE BRAVA

Di Mauro Bolognini dal romanzo “Ragazzi di vita” di Pier Paolo Pasolini. Con Franco Interlenghi, Jean-Claude Brialy, Rosanna Schiaffino, Laurent Terzieff, Anna Maria Ferrero,Tomas  - Italia - 1959 - 95’

Il racconto di una notte in nome del vizio di due ragazzi di borgata. Un gruppo di balordi passa una "notte brava" con il ricavato di un furto. Alla fine, dopo che il denaro è stato perso e rubato di nuovo, uno dei giovani resta solo e, in compagnia di una ragazza, vaga da un locale all'altro. All'alba gli sono rimaste in tasca soltanto mille lire.

    h 21:30 Cineteca

ACCATTONE

Di Pier Paolo Pasolini. Con Franco Citti, Franca Pasut, Adriana Asti, Silvana Corsini, Paola Guidi . - Italia - 1961 -116’

Esordio capolavoro dello scrittore Pasolini, una delle opere più rappresentative degli anni '60, Accattone è un "ragazzo di vita": ladro, teppista, magnaccia (quando può) ma un giorno si invaghisce della ragazza che intendeva derubare. Per lei si mette alla ricerca di un lavoro, ma la fatica lo stronca. Ritorna a rubare. Razzia un camion, ma la polizia gli è alle costole. Accattone fugge ma muore durante l'inseguimento. Prima prova registica di Pier Paolo Pasolini, appena quarantenne, ma già molto noto per i volumi di poesie, i racconti e le sceneggiature dei film di Fellini e Bolognini, era anche tra i personaggi pubblici uno dei più vituperati d'Italia. Cosicché gli avversari politici liquidarono  Accattone come una semplice rimasticatura delle sue cose precedenti. In realtà, al di là di uno stile ancora esitante, il film aveva una sua forza, una sofferenza che ne hanno fatto una delle opere più rappresentative degli anni Sessanta (non solo del cinema italiano). 

Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Nessun commento:

Posta un commento